m
Moralia Tag: democrazia

Moralia Tag: democrazia

Per la vita del mondo: etica ortodossa

«Per la vita del mondo»: questo il titolo del recente documento del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli che ripensa l’etica sociale ortodossa. Un testo elaborato da una commissione di studio insediata dal patriarca Bartolomeo I e quindi approvato da lui e dal Sinodo del Patriarcato; un documento ampio, che in sei sezioni attraversa vaste aree dell’esperienza umana e del vissuto sociale. Lo fa attingendo alle migliori componenti dello stile teologico ortodosso, caratterizzandosi cioè per i forti richiami teologici – cristologici, pneumatologici, eucaristici...

Le statue sfregiate e le domande sulla democrazia

La protesta contro gli atti di razzismo e violenza perpetrati da agenti di polizia nei confronti dei membri delle comunità afroamericane negli Stati Uniti ha trovato una sorta di gesto identificativo nello sfregio o nell’abbattimento di statue di figure legate allo schiavismo e al segregazionismo. Una pratica che è uscita anche al di fuori dei confini statunitensi e che è stata raccolta dagli omologhi movimenti di protesta in Europa, a cominciare dal Regno Unito per arrivare anche in Italia. Al di là degli epigoni europei, quanto avviene col movimento Black lives...

Etica per il COVID-19. Un gregge o un popolo

Hanno fatto molto scalpore le affermazioni del primo ministro inglese Boris Johnson, relative alle politiche da adottare per contenere e superare l’epidemia da COVID-19 (meglio noto come «coronavirus»). Il piano di Johnson è quello di adottare modeste misure di contenimento, lasciando che il virus faccia il suo corso in modo da infettare, il più delle volte in modo non grave, almeno il 60% della popolazione. Questo perché superando tale percentuale si avrebbe la cosiddetta herd immunity, cioè l’«immunità di gregge». Si tratta...

La partecipazione politica rinasce? Politics, policy… e sardine

Il principio della necessaria partecipazione dei cittadini alla vita politica merita accoglimento anche nell’epoca contemporanea, sia come bene da preservare sia come ideale da perseguire.

Paura o fiducia. Un’alternativa teologico-politica

Uno sguardo alla cronaca ci permette di individuare due figure emblematiche di come la scena culturale e sociale della nostra epoca sia ambivalente. La prima figura è l’attuale sindaca di Barcellona, Ada Colau, che ha promosso la rete internazionale delle «fearless cities», le città senza paura. Tale rete si propone di mettere in collegamento i progetti e le esperienze, attivati dalla politica locale, che si impegnano a offrire soluzioni concrete alle paure serpeggianti nella popolazione, immettendo fiducia dentro il tessuto della comunità civile attraverso...

I Colloquio di Moralia - Italia 2016. Leadership e nuove generazioni

Dopo il contributo della Redazione di Moralia e l'intervista a mons. Francesco Montenegro, prosegue il I Colloquio di Moralia, ispirato dal rapporto CENSIS 2016, con l'intervento di Emilia Palladino, docente della Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana. Un'Italia scoraggiata Il Rapporto Censis 2016 disegna un’Italia ferma, scoraggiata e senza alcuna fiducia nel futuro. Nella presentazione dell’importante documento (visibile integralmente online all’indirizzo www.youtube.com/watch?v=06BPDBwJPkg), il direttore generale Massimiliano Valerii...

Il dovere di “immischiarsi” in politica

Il buon cattolico deve “immischiarsi” in politica e poi ancora, di fronte alla cultura della illegalità, della corruzione e dello scontro il cristiano è chiamato a dedicarsi al bene comune, un disimpegno sarebbe tradire la missione dei fedeli laici chiamati ad essere sale e luce del mondo   (Francesco, 2013)   La questione La recente scissione, più personale che politica, del Partito Democratico ha risollevato alcuni nodi circa la presenza e la relativa partecipazione diretta dei cattolici in politica. Dopo gli anni, quasi un cinquantennio,...

Educare a una cittadinanza integrante

Una proposta educativa possiede sempre come finalità la possibilità di sostenere un particolare profilo di cittadinanza. Il nostro tempo è caratterizzato dalla crescita costante di esperienze sulle differenze culturali, etniche e religiose.

Il valore della Costituzione

“Abbiamo il serio problema di un numero sempre più vasto di persone che non misurano più il peso delle parole”[1]. In effetti oggi, anche facilitati dai nuovi mezzi di comunicazione, rischiamo di essere superficiali nell’uso delle parole. Non così accadde tra il 25 giugno 1946 e il 22 dicembre 1947 durante i lavori della Costituente, infatti ci si impegnò con profondità e cura per costruire un testo in grado di ripensare un Paese che usciva da una stagione molto difficile. La Costituzione italiana nasce dalle ceneri della seconda guerra mondiale...

Referendum del 17 aprile: molto più di una croce su una scheda

          Il 17 aprile prossimo saremo chiamati ad andare a votare a un referendum che solleva alcune questioni morali, ben più ampie rispetto al contenuto del referendum stesso.          1. Innanzi tutto vorrei sottolineare quanta poca informazione stia accompagnando questo tempo che ci separa dal 17 aprile. Molti cittadini non sono nemmeno a conoscenza di questo appuntamento, molti altri non sanno o non riescono a comprendere (causa mancanza di informazioni o carenza di chiarezza nelle stesse) i contenuti di tale referendum.          Tale mancanza d’informazioni non potrà non ripercuotersi...