m
Moralia Tag: tecnologia

Moralia Tag: tecnologia

Le leggi della robotica oggi

Esattamente cento anni fa, il 2 gennaio del 1920 a Petroviči, nella Russia in piena guerra civile, nacque Isaac Asimov. Romanziere molto fecondo, il contributo più significativo alla lettura mondiale lo diede scrivendo di fantascienza ed in particolar modo con il celebre Ciclo delle Fondazioni, una serie di racconti scritti tra il 1942 e il 1949. Ad Asimov si debbono, oltre alle intuizioni straordinarie che oggi sono il nostro quotidiano digitale, anche le famose tre leggi della robotica. La prima legge recita: “Un robot non può recar danno a un essere umano né può...

Mamma, da grande voglio essere un robot!

Il tempo di Natale è anche il tempo dei giocattoli, e i giocattoli che i bambini preferiscono oggi sono molto diversi da quelli di ieri. La cosiddetta generazione Alpha, quella dei nati dal 2010 in poi, preferisce gadget tecnologici rispetto ai giocattoli tradizionali o agli animali domestici. Una ricerca ci svela che l’iterazione massiva di questa generazione con strumenti tecnologici plasma il loro cervello, ma non sappiamo ancora come e in che misura e soprattutto con quali esiti. Uno studio di Nature del 2003 indica come l’uso di videogame ha comportato il miglioramento...

Reliquie digitali

Il culto delle reliquie ha avuto nei secoli scorsi un peso religioso e spirituale di altissimo valore. La reliquia, intesa come l’intero corpo o un suo frammento, attraversa i tempi e i meridiani. In area cristiana, da san Policarpo in poi essa testimonia l’esistenza e l’esempio di un confessore della fede, rimanda concretamente al bagaglio di grazia che egli rappresenta e che nella comunione dei santi si riverbera su tutto il popolo di Dio. La reliquia è importante perché con la forza simbolica che essa custodisce permette a chi la venera di andare oltre i propri...

I nuovi braccianti digitali. Verso un nuovo luddismo?

Luigi Einaudi affermava: «Perché noi, studiosi, pubblicisti, professionisti, industriali, abbiamo la febbre del lavoro? Perché per noi il lavoro non è fatica, ma gioia, ma vita. Perché ci parrebbe di morire veramente, qualora ci fosse negata la gioia di lavorare, di vedere l’opera nostra crescere sotto i nostri occhi e compiersi». E Giovanni Paolo II nella Laborem exercens: «Il lavoro umano è una chiave essenziale, di tutta la questione sociale, se cerchiamo di vederla veramente dal punto di vista del bene dell’uomo». Oltre...

Libra: solo una moneta senza metallo?

Alexis de Tocqueville, il celebre storico e filosofo francese ritenuto quasi un sociologo ante litteram, era solito dire che la storia è una galleria di quadri dove ci sono pochi originali e molte copie. Questa prospettiva può essere utile nel capire alcune delle recenti trasformazioni che il digitale sta introducendo nel vivere dei giorni nostri. Facebook ha in programma di lanciare l’anno prossimo un sistema di pagamento e un’applicazione sullo smartphone, che fungerà da portafoglio digitale, consentendo agli utenti d’inviare denaro con la stessa facilità...

Primo Levi e il Prometeo digitale

Nasceva esattamente cento anni fa, il 31 luglio 1919, Primo Levi: scrittore, partigiano, autore di una delle testimonianze più forti della tragedia dell’Olocausto. Primo Levi scrisse anche racconti, in particolare Storie naturali (1966) una raccolta di 15 testi pubblicati sotto lo pseudonimo di Damiano Malabaila. Sono racconti brevi di carattere scientifico e fantascientifico, che prefigurano alcune delle conquiste della rivoluzione digitale e che Levi scrive, in buona parte, come trasposizione moderna del mito di Prometeo. La produzione di Levi, soprattutto nei racconti, compie...

Clonare Leonardo. Domande sull’intelligenza artificiale

Cinquecento anni fa ad Amboise, in Francia, moriva Leonardo da Vinci, uno dei geni indiscussi della storia dell’umanità e della nostra storia patria. I suoi capolavori hanno riempito le cronache di ogni tempo, come nel caso del rocambolesco rapimento della Gioconda. Le cronache di oggi ci raccontano invece di falsi clamorosi: tra gli ultimi la «Bella principessa», firmata da un molto meno noto Shaun Greenalgh, accreditato falsario inglese. Quel che occhio umano non vede… Altre volte un falso leonardesco arriva a valere anche milioni di euro. L’avvento delle...

Tutto subito. I frutti acerbi della gratificazione digitale

Continua la Quaresima, e ci dà l’occasione di riflettere sulla rapidità digitale e una delle sue conseguenze, che tanto influenza l’antropologia contemporanea: la gratificazione immediata. Non esiste desiderio che non sia oggi a portata di clic o informazione che in poche frazioni di secondo non giunga sui nostri schermi. Il presente digitale ha anche, apparentemente, eliminato le «sudate carte» di un tempo, non solo perché ha eliminato la carta, ma anche perché sembra aver eliminato il sudore, la fatica. Oggi apprendere, anche la complessità,...

Sei connesso? E libero? Guardiamoci dentro

Il cammino di quaresima che abbiamo iniziato ci è propizio per affrontare un tema di scottante attualità: la tecno-dipendenza. Una ricerca condotta su 23.000 soggetti dall’Associazione nazionale Di.Te, che si occupa di tecno-dipendenze, dimostra che il 32% dei giovani passa 4 ore al giorno on-line, e più del 17% resta connesso tra le 7 e le 10 ore. La ricerca ha interessato oltre 9.000 maschi e quasi 14.000 ragazze tra gli 11 e i 26 anni e conferma la sensazione che noi tutti abbiamo prendendo un treno o la metro, e le certezze di quanti hanno un compito educativo accanto...

San Valentino e l’amore digitale

Ci perdoneranno i santi Cirillo e Metodio, patroni d’Europa, se preferiamo dare più spazio in questo mese di febbraio a san Valentino, che veneriamo insieme a loro proprio oggi. La festa del santo ci fornisce il pretesto per cominciare ad affrontare la spinosa questione dell’amore nell’era digitale. Dobbiamo innanzitutto spezzare una lancia rispetto al mondo dei social media, per altri versi stigmatizzabili per diverse questioni. Il progetto Why We Post, coordinato dallo University College London (Ucl), ha dimostrato errate alcune precomprensioni nei loro confronti. Quando...