o
l'Ospite

l'Ospite

La pastorale militare e la sfida dei rifugiati

Il tema dei rifugiati accompagna da sempre la storia dell’umanità e si ripropone particolarmente in tempi di crisi, dove si incrocia con il tema più ampio di emigrazione e immigrazione, generati da situazioni di povertà, disoccupazione, persecuzione… non ultimo, dalla guerra. E la guerra in Ucraina ha certamente riproposto questo tema in maniera drammatica, soprattutto per l’Europa.

Riformare l'episcopato?

L’ampio dibattito, sollevato nelle scorse settimane da Andrea Grillo, ripreso da Umberto Rosario Del Giudice e da Pierluigi Consorti, ai quali si sono aggiunti, tra gli altri, gli interventi di Cosimo Scordato, di Severino Dianich e di Franco Gomiero, sulle attribuzioni episcopali ha a che fare con un certo modo di intendere la Chiesa e di guardare alla sua riforma. Il perdurante utilizzo di titoli come quello di «arcivescovo ad personam» – allorché l’arcivescovo sia pastore di una diocesi che non è «arcidiocesi» – può sembrare...

Dal carcere, a Hong Kong

Mercoledì 17 novembre Lee Cheuk-yan, in carcere a Hong Kong, ha scritto una “lettera di mitigazione” al giudice della corte distrettuale Amanda Woodcock. Tra le altre cose, Lee è accusato di aver organizzato, lo scorso anno, la commemorazione della veglia annuale del Quattro giugno al Victoria Park, per ricordare le vittime di Piazza Tiananmen. Il raduno era stato proibito dalle autorità. Riporto per intero, tradotto in italiano da me, lo scritto di Lee Cheuk-yan. È la sintesi della sua vita, ispirata dalla fede cristiana e dedicata alla libertà,...

Nuove regole per le associazioni laicali

L’11 giugno il Dicastero vaticano per i laici ha emanato un decreto generale che introduce alcuni vincoli all’autonomia delle Associazioni internazionali dei fedeli laici. Il giurista Pierluigi Consorti lo ha commentato sul sito dell'Università di Pisa.

Va’ e anche tu fa così

Leggere l’ultima enciclica di papa Francesco vuol dire imbattersi in un discernimento lucido della nostra epoca, frutto di una straordinaria familiarità con le sacre Scritture e di una consolidata attitudine a vagliare i segni dei tempi. La fraternità universale è una vocazione da Dio scritta nel cuore di ogni uomo e seminata nei «dinamismi della storia» (Francesco, lett. enc. Fratelli tutti, 3.10.2020, n. 96), ma ha bisogno di persone e popoli capaci di superare il calcolo dei rispettivi interessi particolari e di scommettere sul bene comune da cui gli interessi...

«Quanto più… tanto più»

Carissimi e carissime, vivere il tempo d’Avvento in questi giorni di incertezza e di fragilità è un grande regalo. Lo Spirito santo, potente soffio di Dio, viene in aiuto al nostro fiato corto con la Parola del Dio vivente: «Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse» (Is 9,1). Di questa parola profetica noi abbiamo bisogno, di questa luce divina il nostro sguardo va in cerca per riconoscere il segno che il Signore viene anche in questo nostro tempo. L’Emmanuele, il Dio con noi,...

Domande alla politica

Questa pandemia non è un castigo mandato da Dio per punire gli uomini, affinché si pentano dei loro peccati e si convertano, ma è, nell’accezione del Concilio, un segno dei tempi. Forse il più forte e drammatico dei tempi moderni, che richiede un profondo discernimento per trarne insegnamenti sulle sue cause profonde e, conseguentemente, sul senso della nostra vita e sull’indirizzo da darle. Per chi ha fede la creazione è un dono di Dio, un dono che non fa dell’uomo il padrone ma soltanto l’«amministratore delegato» del creato...

Celebrare in sicurezza

Il 2 maggio è stato diffuso e pubblicato sui siti finesettimana.org, cercasiunfine.it e viandanti.org un appello dal titolo Celebrare in sicurezza, che chiede l'applicazione della massima cautela nella ripresa delle funzioni liturgiche pubbliche ed esprime l'auspicio che le celebrazioni riprendano solo quando potrà essere garantito il rispetto di tutte le cautele necessarie a impedire il contagio. Le firme di adesione si raccolgono fino al 9 maggio compreso, scrivendo a liberalizzazioneliturgie@finesettimana.org.

Un appello: nessuno merita di morire da solo

Il 17 marzo scorso un gruppo di teologhe e teologi evangelici e cattolici ha sottoscritto e diffuso questa Lettera aperta sulla dignità del morire ai tempi del coronavirus. La riportiamo integralmente. Alle cittadine e ai cittadini, con particolare attenzione alle autorità competenti. La morte è entrata nelle nostre case. Ogni giorno riceviamo con sgomento le cifre dei decessi a causa del virus. È diventato un bollettino di guerra guardare il telefono, leggere e ascoltare le notizie di cronaca. Cifre sproporzionate. Dietro l’anonimato dei numeri ci sono volti,...

Insegnanti di religione: quale concorso?

Le parole del santo padre rivolte ai dipendenti vaticani il 21 dicembre 2017, per chiedere loro di aiutarlo – e di aiutare «anche i superiori» – a «risolvere» un «problema di coscienza» del pontefice relativo alla presenza in Vaticano di «lavori e lavoratori precari» per un tempo eccessivamente protratto, ci hanno dato forza e coraggio nel porre all’attenzione dei nostri vescovi, in «scienza» (LG 37) e «umiltà» (GS 62) – anche per conto di moltissimi altri colleghi – una grave ingiustizia...