A
Attualità
Attualità, 12/2022, 15/06/2022, pag. 341

CEI - 76° Assemblea generale: il papa e la CEI

Dopo l’elezione, i compiti che aspettano il card. Zuppi

Gianfranco Brunelli

La 76a Assemblea generale dell’episcopato italiano, tenuta all’hotel Hilton di Fiumicino dal 23 al 27 maggio, è stata principalmente un’assemblea elettiva. Terminato il mandato del card. Gualtiero Bassetti (2017-2022), occorreva scegliere il nuovo presidente. Oltre a questo, l’Assemblea aveva in agenda anche l’elezione del vicepresidente per l’area Sud e il presidente della Commissione episcopale per il clero e la vita consacrata.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-16

Italia - Politica: la terza questione cattolica

Oltre il cattolicesimo politico

Gianfranco Brunelli

Si torna a parlare di «questione cattolica». Stancamente. Con le categorie proprie della lunga e positiva stagione del cattolicesimo politico. Quella stagione si è conclusa con la fine della Democrazia cristiana (DC). Quel mondo non c’è più.

 

Attualità, 2022-14

Italia - Politica: colpi di testa

La tossicità dei populismi e la crisi di sistema. Il paese è a rischio

Gianfranco Brunelli

La legislatura populista che va verso il suo pazzoide compimento lascia il paese in una profonda crisi politica. Essa segna il fallimento dei due maggiori protagonisti: la Lega salviniana e il Movimento 5 Stelle che l’hanno determinata. Il fallimento di queste forze politiche non significa l’uscita definitiva del paese dalle pulsioni populiste. Né che quella eventuale uscita sia senza prezzo. Si tratta di colpi di coda. O meglio di colpi di testa. Ma potrebbero mettere il paese in grave difficoltà.

 

Attualità, 2022-10

Ucraina - Francesco: il coraggio dell’imprudenza

Note a commento della recente intervista di papa Francesco

Gianfranco Brunelli

Il coraggio dell’imprudenza. Che l’intervista di papa Francesco al Corriere della sera del 3 maggio scorso  avrebbe corso il rischio di interpretazioni strumentali, soprattutto da parte dei politici nostrani, fino al punto da essere rubricata come la presa di posizione di un «leader politico», era abbastanza prevedibile.