A
Attualità
Attualità, 10/2022, 15/05/2022, pag. 275

Italia - La guerra di Putin. Se la sinistra è antiamericana

Intervista al prof. Biagio De Giovanni

Gianfranco Brunelli

Biagio De Giovanni è filosofo e politico. Accademico dei Lincei e docente emerito di Filosofia politica presso l’Università L’Orientale di Napoli, di cui è stato rettore dal 1987 al 1989, dal 1981 al 1986 ha diretto Il Centauro. Rivista di filosofia e teoria politica. Nel 1989 e nel 1994 è eletto al Parlamento europeo prima nelle file del Partito comunista (PCI) e poi del Partito democratico della sinistra. Affrontiamo con lui i recenti eventi di guerra in Ucraina e di come essi si stanno interpretando in Europa, segnatamente in Italia.

 

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-12

CEI - 76° Assemblea generale: il papa e la CEI

Dopo l’elezione, i compiti che aspettano il card. Zuppi

Gianfranco Brunelli

La 76a Assemblea generale dell’episcopato italiano, tenuta all’hotel Hilton di Fiumicino dal 23 al 27 maggio, è stata principalmente un’assemblea elettiva. Terminato il mandato del card. Gualtiero Bassetti (2017-2022), occorreva scegliere il nuovo presidente. Oltre a questo, l’Assemblea aveva in agenda anche l’elezione del vicepresidente per l’area Sud e il presidente della Commissione episcopale per il clero e la vita consacrata.

 

Attualità, 2022-10

Ucraina - Francesco: il coraggio dell’imprudenza

Note a commento della recente intervista di papa Francesco

Gianfranco Brunelli

Il coraggio dell’imprudenza. Che l’intervista di papa Francesco al Corriere della sera del 3 maggio scorso  avrebbe corso il rischio di interpretazioni strumentali, soprattutto da parte dei politici nostrani, fino al punto da essere rubricata come la presa di posizione di un «leader politico», era abbastanza prevedibile.

Attualità, 2022-8

Ucraina - Guerra: la scelta

Gianfranco Brunelli

Oggi il male minore è aiutare gli ucraini a difendersi; e la nonviolenza è essere presenti come resistenza attiva, ancorché non armata, per aiutarli a sopravvivere. Sono queste le scelte possibili. Il pacifismo che chiede la resa agli aggrediti, che cerca di dare ragioni a Putin per una trattativa indifferente a ogni valore in gioco è un pacifismo finto.