A
Attualità
Il tuo abbonamento è scaduto. Rinnovalo al più presto per continuare ad accedere ai contenuti online riservati agli abbonati.

Attualità, 20/2013

Italia - Chiesa: rinascere dall'alto

G. Brunelli
Il tempo compreso tra la conclusione dell'anno della fede, il 25 novembre 2013, e il V Convegno della Chiesa italiana, a Firenze nel novembre 2015, è il tempo che la Chiesa italiana ha (e che si è data) per definire il rinnovamento della propria linea pastorale in rapporto al pontificato di papa Francesco. Quello di Francesco è un pontificato inatteso. Il rinnovamento della pastorale nella Chiesa italiana una necessità irrimandabile.

Francesco - Sinodo dei vescovi: revisione generale

G. Mocellin
Solo l'affollarsi, nell'agenda di papa Bergoglio. Di appuntamenti di grande rilevanza e di pari visibilità ha impedito agli osservatori di accorgersi che, frattanto, egli stava lavorando a un progetto destinato a sopravanzare, per il suo valore programmatico, tutti o quasi quelli sinora intrapresi. Mi riferisco alla "generale revisione" della "metodologia generale" che è sottesa ad alcuni recenti atti.

Germania - Limburg: il vescovo principe

D. Sala
Non è una "Chiesa povera e per i poveri" quella evocata dalle ultime vicende della diocesi di Limburg, in Germania, e il risultato è una nuova ondata di critiche e di uscite di fedeli dalla Chiesa.

Asia-Africa - Cristiani perseguitati: cosa può fare il dialogo

M.L. Fitzgerald
Le diverse situazioni di violenza e i casi in cui si è riusciti a superarla.

Sri Lanka - Chiese: ancora genocidio

D. Sala
È un genocidio di cui ancora non si parla quello che si è consumato nei 30 anni di guerra separatista conclusasi nel 2009, quando l’esercito dello Sri Lanka ebbe definitivamente ragione delle forze separatiste dell’organizzazione nazionalista Tigri per la liberazione della patria tamil (LTTE),1 e il genocidio è continuato anche dal 2009 a oggi ai danni della minoranza tamil e induista del Nord, che continua a essere vessata e oppressa dal governo di maggioranza singalese e buddhista di Mahinda Percy Rajapaksa.

Sudafrica - Corruzione: abitudine che indurisce il cuore

D. Maggiore
La corruzione «è un furto ai danni dei poveri»: la denuncia arriva dai vescovi dell'Africa australe, che a ottobre hanno voluto dedicare a questo tema una lettera pastorale.

Africa - Corte penale: una partita ancora aperta

D. Maggiore
In apparenza non ha perso nessuno, ma chi abbia vinto – tra l'Unione Africana e la Corte penale internazionale – non è ancora chiaro.

Teologia - Università urbaniana: Teilhard de Chardin domani

P. Trianni
Si contano sulle dita le teologie del Novecento che conservano ancora la loro attualità e la loro incienza profetica, e tra di esse va sicuramente annoverata quella di Teilhard de Chardin. Un convegno di studio organizzato dalla Facoltà di teologia della Pontificia università urbaniana.

Italia - Bologna-Dehoniani: inaugurare la continuità

F. Lambiasi
Una nuova sede per le attività del Centro editoriale dehoniano: comunicare oggi secondo la grammatica del Concilio

Chiesa - Cinema e violenza sui minori: una «recreation» fondata

T. Subini
A proposito del documentario "Mea Maxima Culpa. Silence in the House of God", documentario diretto nel 2012 da Alex Gibney sulle violenze sessuali su minori compiute dal clero cattolico, e del dibattito che ha suscitato.

L'irriducibile, semplice, coscienza. L'epistolario di Franz e Franziska Jägerstätter (1940-1943)

D. Menozzi
Jägerstätter, in contrasto con le tesi dominanti nel mondo cattolico, partiva da un'affermazione del primato della coscienza individuale del cristiano sull'obbedienza all'autorità ecclesiastica e politica in ordine alla partecipazione del fedele alla guerra.

Libri del mese - Schede - Novembre 2013

M.E. Gandolfi
I «Libri del mese» si possono acquistare: - per telefono, chiamando lo 051 3941522; - per fax, inviando un ordine allo 051 3941577; - per e-mail, all'indirizzo vendite.dirette@dehoniane.it - per posta, scrivendo a Centro Editoriale Dehoniano, via Scipione Dal Ferro 4, 40138 Bologna

Avventisti italiani - Donne nel ministero

D. Sala

Consiglio europeo - Circoncisione

D. Sala

Mormoni - Richiesta di perdono

D. Sala

Francesco - Giubileo della Riforma (2017)

D. Sala

Giubileo della Riforma - Congresso internazionale a Zurigo

D. Sala

Chiesa luterana svedese - Primate donna

D. Sala

Comunione anglicana - GAFCON II

D. Sala

CEC - Assemblea di Busan

D. Sala

Consiglio degli otto

L. Accattoli

Francesco con gli otto ad Assisi

L. Accattoli

Sinodo straordinario

L. Accattoli

Un vescovo al Governatorato

L. Accattoli

Da Bertone a Parolin

L. Accattoli

APSA e trasparenza

L. Accattoli

Limburg

L. Accattoli

Guinea Equatoriale

L. Accattoli

Giornata della famiglia

L. Accattoli

Concistoro e incontri di cardinali

L. Accattoli

La nuova evangelizzazione e la Chiesa in Italia: per un nuovo annuncio. Osservazioni pastorali

M. Crociata
«Di che cosa parliamo quando parliamo di nuova evangelizzazione?». Consapevole della tentazione di «gattopardismo pastorale» – il «dire di voler cambiare tutto, perché tutto resti come prima» – e del rischio di insignificanza (il «farsi sempre più vago e impreciso») che grava su un tale «lemma-ombrello», il segretario generale della Conferenza episcopale, mons. Mariano Crociata, traccia una storia del concetto e analizza le sue ricadute nella situazione pastorale italiana. Descritta con l’immagine del «cantiere», nel quale deve essere presa con decisione la via del «secondo (primo) annuncio», anche la Chiesa in Italia si confronta oggi con il «nuovo stile di Chiesa» che papa Francesco ha espresso attraverso le immagini del «riscaldare il cuore» e del «curare le ferite». Il mutato contesto socio-culturale, «che porta con sé un’esigenza di autenticità, di scelta in prima persona nella libertà», richiamo «a una relazionalità ricca e positiva»; e insieme l’urgenza della «missione laicale» e l’«inesauribile attualità del Vangelo» emergono al presente come declinazione di quel «nuova», che «costituisce la variabile di un compito che la Chiesa vive da duemila anni».

Attraverso la pelle. Una teologia

P. Stefani
Il posto non era a lui ignoto. Anzi, gli aveva persino dedicato un breve pensiero stampato in un suo libretto. Tutttavia quella volta fu diverso. Fu un'esperienza di teologia epidermica.

Bergoglio allergico alle ideologie. Comprese quelle cristiane

L. Accattoli
Dire quello che mi aspettavo da papa Francesco e quello che mi ha sorpreso: è un esercizio che svolgo da un pezzo e qui provo a raccontarlo.