A
Attualità
Attualità, 10/2010, 15/05/2010, pag. 304

Testimoni digitali: tra i due Orientamenti

G. Mocellin
Sono stati chiamati a Roma, dal 22 al 24 aprile scorso, per «esplorare il continente digitale», ovvero il sorgere di nuovi media e l’evolversi dei vecchi in funzione di questa tecnologia, e a tal fine, agli oltre 1.300 partecipanti al convegno «Testimoni digitali. Volti e linguaggi nell’era crossmediale», organizzato dall’Ufficio per le comunicazioni sociali della Conferenza episcopale italiana (CEI) e dal Servizio nazionale per il progetto culturale e promosso dalla Commissione episcopale per la cultura e le comunicazioni sociali, sono state proposte 38 relazioni, comprese le introduzioni dei moderatori (quasi sempre, giornalisti di primo piano dei media editi dalla CEI).

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2014-20

Santa Sede - Nomine: sale Sarah, scende Burke

G. Mocellin
Nelle settimane successive al Sinodo straordinario sulla famiglia, papa Francesco ha proseguito il prudente e graduale rinnovo – secondo lo stile dei suoi predecessori – dei vertici dei dicasteri della curia romana intrapreso già a partire dal 2013, in parallelo alla maturazione, all'interno del Consiglio dei cardinali da lui appositamente istituito poco più di un anno fa, del progetto di riforma complessiva della curia stessa.
Attualità, 2014-18

Sinodo - Media: una bella febbre

G. Mocellin
Su matrimonio e famiglia la Chiesa cattolica ha la febbre, ma averlo saputo e anzi averla misurata con tanta precisione è in sé un valore più che un problema.
Attualità, 2014-16

Una forma del Vangelo: minore

G. Mocellin
La chiave del saggio di Grado Giovanni Merlo "Frate Francesco" (Il Mulino, Bologna 2013, pp. 184, € 15,00) si trova già nell’Introduzione, quando l’autore, che insegna Storia del cristianesimo all’Università di Milano ed è tra le figure più autorevoli nell’ambito degli studi francescani, sottolinea la distinzione tra frate Francesco e san Francesco, e l’intento di «presentare la figura e l’esperienza umana » del primo piuttosto che aggiungere altro al «persino troppo» che sappiamo sul secondo.