D
Documenti
Documenti, 21/2015, 12/06/2015, pag. 1

Nostra aetate, cinquant'anni dopo

Alla Conferenza della Commissione europea luterana per la Chiesa e l'ebraismo (KKJ)

Piero Stefani
Ospite della Chiesa luterana di Venezia, si è tenuta dal 14 al 17 maggio la Conferenza della Commissione europea luterana per la Chiesa e l’ebraismo (LKKJ), che aveva per tema «La raffigurazione dell’ebraismo nell’educazione ecclesiastica». In quella sede, a Piero Stefani è stata chiesta una riflessione sulla Nostra aetate, la dichiarazione conciliare dedicata alle relazioni della Chiesa cattolica con le religioni non cristiane, e in particolare con l’ebraismo, nel 50° anniversario della sua approvazione (28.10.1965). L’intervento evidenzia e percorre gli snodi e le questioni di un testo che è stato definito «modesto» (perché «non riesce ad argomentare in modo adeguato quanto afferma»), ma «decisivo» («una vera e propria svolta dotata di grandi e tutt’altro che esaurite conseguenze»): l’elezione di Israele, l’asimmetria del dialogo teologico, il «rifiuto del Vangelo», la «responsabilità ebraica» nella morte di Gesù e la questione dell’antisemitismo.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-14

Il tribunale di Cristo

Camminare in novità di vita

Piero Stefani
Nell’omelia da lui pronunciata nella Domenica del perdono (6 marzo 2022), il patriarca di Mosca, Cirillo, si è appellato al giudizio di Dio. L’attenzione dell’opinione pubblica si è incentrata sulla giustificazione «metafisica» da lui proposta per l’invasione russa dell’Ucraina; merita, tuttavia, una qualche attenzione anche il modo in cui Cirillo...
Attualità, 2022-14

S. Ferrari, Scritti

Percorsi di libertà religiosa per una società plurale

Piero Stefani

Un autore e 4 curatori, un insieme insolito. Non occorre molto per giungere alla spiegazione, basta rivolgersi alla breve nota nella quale i 4 allievi chiedono scusa al loro professore per aver raccolto, in suo onore e a sua insaputa, una nutrita serie di saggi. I 28 contributi, estesi dal 1988 al 2020, sono suddivisi in 3 grandi parti: «Il diritto ecclesiastico: una questione di metodo»; «Religione e religioni nello spazio pubblico»; «Diritti delle religioni e comparazione».

 

Attualità, 2022-12

L’asino di chi ti odia

Grazia e libero arbitrio alla prova

Piero Stefani
Una sezione del Discorso della montagna (Mt 5-7) è conosciuta con l’improprio nome di «antitesi» (Mt 5,21-48). La qualifica deriva dalla clausola «ma io vi dico» che sembra contrapporsi all’«avete inteso che fu detto». Tutti concordano però nel sottolineare che quel «ma» (in greco de), lungi dall’essere avversativo, è...