A
Attualità
Attualità, 8/2022, 15/04/2022, pag. 228

Italia - Economia: benestante ma incerta

La ricchezza delle famiglie italiane a fronte dell’indebitamento pubblico

Carlo Battistini

Il 2022 è iniziato con segnali provenienti dall’economia reale ancora positivi, seppur in rallentamento dopo un brillante 2021, con una dinamica ancora sostenuta delle esportazioni e con l’occupazione in crescita.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-2

Italia - Economia 2022: il paese corre

Ma pubblica amministrazione e dati demografici no

Carlo Battistini

È appena iniziato il 2022 e quindi s’inizia a trarre qualche primo consuntivo dell’anno trascorso e contemporaneamente si comincia a verificare l’attendibilità delle previsioni per il 2022. È fondamentale individuare le criticità su cui lavorare e i punti deboli da correggere, analizzando i dati e non partendo dalle sensazioni, pena clamorosi errori. Si possono già oggi ben individuare quali siano le priorità che affronterà il nostro paese nel prossimo periodo, avendo un occhio agli obiettivi di medio-lungo termine.

 

Attualità, 2021-20

Italia - PNRR: il ritorno dello stato

Che non può fare a meno del privato

Carlo Battistini

L’Italia è riuscita a superare l’emergenza sanitaria e sta ora affrontando l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), delle riforme relative e della transizione ecologica. Inoltre, approssimandosi la fine del 2021, con una robusta ripresa in corso, il governo Draghi ha presentato la manovra finanziaria 2022 alla Commissione Europea e al Parlamento e ha aggiornato le previsioni economiche e di finanza pubblica. 

Attualità, 2021-10

Italia - PNRR: un progetto storico

La ripresa possibile, le riforme necessarie

Carlo Battistini

Il Piano italiano per l’utilizzo del Next Generation EU ha rispettato la scadenza del 30 aprile ed è stato condiviso, approvato a larga maggioranza dal Parlamento e trasmesso alla Commissione Europea: il principale obiettivo per cui è nato il Governo Draghi è dunque stato raggiunto.