A
Attualità
Attualità, 4/2022, 15/02/2022, pag. 95

Una Bibbia Einaudi

In principio era la traduzione. Quale comunità di lettori per quale libro?

Piero Stefani

L’espressione «il libro di tutti i libri» è impiegata da Calasso in modo evocativo e non già totalizzante. La Bibbia è solo un capitolo di un itinerario contraddistinto da un’enorme serie di riferimenti culturali, antichi e moderni, estesi per migliaia di pagine; ci si occupa di miti greci, di Veda, di Buddha, di Talleyrand e di teoria del sacrificio, di Kafka, di Tiepolo e Baudelaire, dell’umanità primitiva diventata cacciatrice dopo essere stata raccoglitrice. La Bibbia è perciò un libro fra una miriade di altri. In ambito culturale non può essere che così.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-16

Per amore

Pur avendo in Cristo piena libertà

Piero Stefani
Siamo invitati a riflettere su un paio di versetti tratti dalla Lettera di Paolo a Filemone:* «Pur avendo in Cristo piena libertà di ordinarti ciò che è opportuno, in nome della carità piuttosto ti esorto, io, Paolo, così come sono, vecchio, e ora anche prigioniero di Gesù Cristo» (Fm 1,8-9). Ci troviamo di fronte a un biglietto occasionale. Filemone...
Attualità, 2022-14

Il tribunale di Cristo

Camminare in novità di vita

Piero Stefani
Nell’omelia da lui pronunciata nella Domenica del perdono (6 marzo 2022), il patriarca di Mosca, Cirillo, si è appellato al giudizio di Dio. L’attenzione dell’opinione pubblica si è incentrata sulla giustificazione «metafisica» da lui proposta per l’invasione russa dell’Ucraina; merita, tuttavia, una qualche attenzione anche il modo in cui Cirillo...
Attualità, 2022-14

S. Ferrari, Scritti

Percorsi di libertà religiosa per una società plurale

Piero Stefani

Un autore e 4 curatori, un insieme insolito. Non occorre molto per giungere alla spiegazione, basta rivolgersi alla breve nota nella quale i 4 allievi chiedono scusa al loro professore per aver raccolto, in suo onore e a sua insaputa, una nutrita serie di saggi. I 28 contributi, estesi dal 1988 al 2020, sono suddivisi in 3 grandi parti: «Il diritto ecclesiastico: una questione di metodo»; «Religione e religioni nello spazio pubblico»; «Diritti delle religioni e comparazione».