A
Attualità
Attualità, 4/2021, 15/02/2021, pag. 116

Unione Africana: cambio al vertice

Giusy Baioni

E' passato quasi sotto silenzio il 34o summit dell’Unione Africana, tenutosi il 6 e 7 febbraio ad Addis Abeba e – causa pandemia – svoltosi questa volta in buona parte anche on-line. Eppure, vale la pena approfondire quello che è successo. Anzitutto, il cambio annuale al vertice (che a rotazione spetta a un capo di stato di una delle macroregioni) ha visto il sudafricano Cyril Ramaphosa, presidente uscente, passare il testimone al congolese Felix Tshisekedi, che a oggi è il più giovane primo cittadino a ricoprire la presidenza di turno dell’UA.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-14

Africa - Repubblica democratica del Congo. L’insicurezza figlia della corruzione

Giusy Baioni

È il 27 giugno. La strage mancata in una chiesa è solo l’ultimo episodio della lunga scia che insanguina l’est della Repubblica democratica del Congo. Questa volta una bomba artigianale era stata piazzata dietro l’altare nella parrocchia Sant’Emmanuele, quartiere Butsili, alla periferia di Beni. Due feriti gravi e vari danni, solo perché l’ordigno è esploso prima della messa domenicale. Ma il bilancio poteva essere ben peggiore.

Attualità, 2021-8

Francia - Ruanda: una commissione per fare pace

Giusy Baioni

Quasi 1.200 pagine: è il rapporto finale della Commissione Duclert, istituita da Emmanuel Macron nel 2019 e incaricata di studiare il coinvolgimento della Francia nel genocidio ruandese. Composta da una quindicina di esperti, sotto la presidenza dello storico Vincent Duclert, la Commissione ha esaminato gli archivi francesi sul genocidio ruandese e sul periodo che lo aveva preceduto e preparato, negli anni tra il 1990 e il 1994.

 

Attualità, 2021-8

Etiopia -Tigray: Axum, è stata strage

Giusy Baioni

Se ne vociferava da tempo. Qualcuno ne aveva anche scritto, ma date e fatti non coincidevano. Si parlava di una strage di cristiani, di un santuario preso d’assalto, ma la coltre fumogena che avvolgeva il Tigray dal 4 novembre scorso non permetteva una verifica indipendente: comunicazioni tagliate, Internet bloccato, impossibile capirne di più. Poi i confini sono stati aperti ad alcune ONG, i collegamenti sono parzialmente ripresi, la gente in fuga ha cominciato a raccontare e così anche i ricercatori di Amnesty International e Human Rights Watch hanno potuto svolgere il loro lavoro.