A
Attualità
Attualità, 16/2021, 15/09/2021, pag. 501

Francesco (poco) canonico

Un commento alla recente attività normativa ecclesiale pontificia

Paolo Cavana

Una recente monografia di Geraldina Boni, docente di Diritto canonico presso l’Università di Bologna, esplora il difficile rapporto di papa Francesco con il diritto canonico attraverso un’analisi dell’attività normativa ecclesiale svolta nell’attuale pontificato (G. Boni, La recente attività normativa ecclesiale: finis terrae per lo ius canonicum? Per una valorizzazione del ruolo del Pontificio Consiglio per i testi legislativi e della scienza giuridica nella Chiesa, Mucchi editore, Modena 2021).

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2023-22

Italia – Codice di diritto canonico: quarant’anni dopo

Paolo Cavana

Il 7 novembre scorso si è tenuto presso l’Università di Bologna un interessante convegno su «I 40 anni del Codex iuris canonici», in occasione del 40o anno dalla promulgazione del Codice di diritto canonico per la Chiesa latina (25 gennaio 1983).

Attualità, 2023-16

Francesco - Opus Dei: il cambio

Dell’approccio a movimenti e nuove realtà ecclesiali

Paolo Cavana

L’8 agosto scorso papa Francesco ha emanato una lettera apostolica in forma di motu proprio con la quale ha modificato due canoni del Codice di diritto canonico concernenti le prelature personali (cann. 294-297), di cui attualmente sussiste concretamente, in quanto eretta canonicamente, una sola figura, ossia l’Opus Dei.

Attualità, 2023-6

C. Fantappiè, Metamorfosi della sinodalità

Dal Vaticano II a papa Francesco

Paolo Cavana

Sul tema della sinodalità nella Chiesa vi è già una bibliografia imponente, fiorita soprattutto nel corso degli ultimi decenni. Il libro che si presenta potrebbe quindi sembrare un ennesimo titolo destinato ad affiancarsi alle centinaia già pubblicati su questo argomento. E tuttavia, l’ultimo lavoro di Carlo Fantappiè, autorevole canonista ordinario all’Università di Roma Tre, presenta caratteristiche inedite che lo fanno particolarmente apprezzare.