A
Attualità
Attualità, 22/2020, 15/12/2020, pag. 662

Francesco - San Giuseppe: padre nell’ombra

Il papa aggiorna la pietà giuseppina

Daniele Menozzi

Il papa intende promuovere la pietà giuseppina tra i fedeli, orientandola secondo gli indirizzi che ritiene adeguati al tempo presente. L’incoraggiamento a questa devozione è reso evidente dall’indizione a partire dall’8 dicembre 2020 di un anno di san Giuseppe, nel corso del quale i fedeli potranno lucrare l’indulgenza plenaria.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-10

Dibattito - Italia verso il Sinodo: slanci e paure

I convegni nazionali della Chiesa italiana e il regime di cristianità

Daniele Menozzi
Nella prospettiva d’adeguare la Chiesa italiana alle linee programmatiche tracciate nell’esortazione apostolica Evangelii gaudium, papa Francesco ha suggerito alcuni provvedimenti di riforma: riduzione del numero delle diocesi, potenziamento delle conferenze episcopali regionali, passaggio da astratti documenti pastorali a poche proposte capaci di costruire ponti con tutti gli uomini di...
Attualità, 2021-10

Crisi della pedofilia: un caso di mancato aggiornamento ecclesiale?

Daniele Menozzi

La questione della pedofilia del clero ha assunto un crescente rilievo all’interno dell’odierno dibattito ecclesiale: lo testimonia il moltiplicarsi di pubblicazioni sull’argomento. In questo contesto cominciano anche ad apparire libri che lo analizzano in una prospettiva storica. Nonostante le difficoltà nell’accesso alla documentazione, alcuni pionieristici lavori usciti nell’Europa nord-occidentale hanno mostrato che leggere la vicenda sul lungo periodo, evitando di schiacciarla sull’attualità, aiuta ad affrontare il tema in maniera più consapevole.

Attualità, 2021-4

Accettare la modernità: nuove prospettive sul Vaticano I

Daniele Menozzi

Il 150o anniversario della conclusione del concilio Vaticano I – interrotto nel 1870, dopo aver approvato due soli documenti, in seguito all’inizio della guerra franco-prussiana e all’ingresso delle truppe del Regno d’Italia a Roma – ha rinnovato una produzione storiografica che, dopo la pionieristica monografia pubblicata da Roger Aubert nel 1964 e l’analitica ricostruzione compiuta da Klaus Schatz in tre volumi usciti tra il 1992 e il 1994, sembrava aver perso interesse per il tema.1 La sua rilevanza appariva infatti sbiadire di fronte alle questioni, ben più attuali per la vita della Chiesa, poste da una migliore conoscenza del Vaticano II.