A
Attualità
Attualità, 16/2020, 15/09/2020, pag. 460

Brasile – Vescovi: contro Bolsonaro

Gabriella Zucchi

C’è anche la firma di dom Pedro Casaldáliga – il novantaduenne vescovo emerito della prelatura di São Félix do Araguaia scomparso l’8 agosto – in calce alla Carta ao Povo de Deus (Lettera al popolo di Dio; Regno-doc. 15,2020,463) che 152 vescovi di varie regioni del Brasile hanno sottoscritto il 22 luglio, festa di Maria Maddalena. E le firme del suo immediato successore, dom Leonardo Ulrich Steiner, oggi arcivescovo di Manaus, dell’attuale successore dom Adriano Ciocca Vasino, nonché del card. Claudio Hummes, emerito di São Paulo, presidente della Rete ecclesiale panamazzonica (REPAM) e della neonata Conferenza ecclesiale dell’Amazzonia.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-6

Spagna - Chiesa cattolica: registrare i beni ecclesiastici

Gabriella Zucchi

Si è aperto per il governo spagnolo di centro-sinistra un nuovo capitolo del processo che intende fare chiarezza sulla storia nazionale del XX secolo. Mentre è ancora in elaborazione la Legge di Memoria democratica, riguardante quanti avevano subito persecuzioni ideologiche tra il 18 luglio 1936 e la promulgazione della Costituzione nel 1978 (cf. Regno-att. 4,2021,91-92), viene ora sollevata la questione degli immobili della Chiesa.

 

Attualità, 2021-4

Osservatorio – Sinodi. America Latina e Italia

Gabriella Zucchi

In tema di percorsi sinodali, una novità giunge da oltreoceano. Tra le questioni poste dal Consiglio episcopale latinoamericano (CELAM), uscito con progetti di rinnovamento dalla 37ª Assemblea generale di Tegucigalpa del maggio 2019, c’era la valutazione dell’opportunità di realizzare una nuova Conferenza generale dell’episcopato latinoamericano, dopo la V, svoltasi ad Aparecida (Brasile) nell’ormai lontano 2007.

Attualità, 2020-20

Bolivia e Cile: girare pagina

Gabriella Zucchi

Nell’ottobre elettorale che abbiamo alle spalle, la prima a offrire un risultato diverso dalle attese è stata la Bolivia, al voto domenica 18 ottobre.