A
Attualità
Attualità, 14/2019, 15/07/2019, pag. 434

Asia - Cina: sostiene Hong Kong

Stefano Vecchia

Basta «manganelli o canteremo Alleluia al Signore». Una battuta ironica che fa riferimento a un canto religioso è suonata come una minaccia rivolta alla polizia, scritta su un cartellone che svettava nella marea dei manifestanti che in giugno hanno riempito le strade di Hong Kong. Una conferma del ruolo che le religioni stanno giocando nel braccio di ferro in corso nell’ex colonia britannica, da 22 anni Regione autonoma speciale della Repubblica popolare cinese, alle prese con una nuova crisi.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-14

India - Padre Swamy: ora vive nei poveri

Stefano Vecchia

Padre Stanislaus Lourdusamy, noto come Stan Swamy (swamy è un termine onorifico della tradizione indù verso chi si dedica alla vita religiosa), è deceduto il 5 luglio in ospedale a Mumbai dopo 9 mesi in detenzione. Nato nello stato meridionale indiano del Tamil Nadu nel 1937, il gesuita era noto soprattutto come attivista per i diritti delle popolazioni indigene e di altri gruppi discriminati, emarginati o perseguitati ai quali aveva dedicato gli ultimi 30 anni della sua lunga vita. Si era trasferito nello stato di Jharkhand, nell’India centrale, uno tra gli stati indiani più arretrati e a più alta presenza di minoranze tribali e aborigene, in parte convertite alla fede cristiana.

Attualità, 2021-12

India - COVID-19: ancora emergenza

Stefano Vecchia

Superato il secondo picco pandemico il 30 aprile, quando si sono registrati 401.993 nuovi casi (con il record di 4.529 morti giornalieri il 18 maggio), nelle settimane successive, l’India ha visto scendere la curva del contagio ma questo non ha impedito l’allungarsi della scia di lutti e il rafforzarsi delle critiche e delle polemiche per come il governo ha mal gestito la pandemia.

 

Attualità, 2021-10

Myanmar - ASEAN: nessuna mediazione

Stefano Vecchia

A quattro mesi dal colpo di stato del 1o febbraio, la situazione in Myanmar sembra orientarsi più che verso una soluzione pacifica verso una vera e propria guerra civile. Secondo le stime contenute in un rapporto del Programma ONU per lo sviluppo pubblicato a inizio maggio, la profonda crisi economica potrebbe riportare nella povertà metà della popolazione.