A
Attualità
Attualità, 14/2018, 15/07/2018, pag. 435

India - Chiesa cattolica: vietato criticare

Stefano Vecchia

Il 23 agosto, i cristiani dell’India ricorderanno il decennale dell’evento più traumatico della loro storia: la persecuzione avviata nel distretto di Kandhamal, Stato orientale di Orissa. L’occasione dell’uccisione di un leader estremista indù, rivendicata dai guerriglieri maoisti ma pretestuosamente attribuita ad attivisti cristiani, diede il via a una pianificata persecuzione anti-cristiana, la peggiore della storia del paese, con uno strascico che ancora non si è esaurito.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2023-2

India - Cattolici siro-malabaresi: la guerra dei riti

Stefano Vecchia

Da quando, il 5 dicembre scorso, l’Alta corte dello stato meridionale indiano del Kerala ha ordinato alla polizia di garantire la protezione dell’amministratore apostolico di nomina vaticana, è apparso chiaro che nell’arcidiocesi di Ernakulam-Angamaly, centro della Chiesa siro-malabarese, si era creato un caso che aveva le caratteristiche di una vera e propria «guerra dei riti».

 

Attualità, 2022-22

Malaysia - Elezioni: una «nuova» presidenza

Stefano Vecchia

Con il voto del 19 novembre, anticipato rispetto alla scadenza della legislatura nella prossima primavera, la Malaysia ha rinnovato la Camera dei rappresentati del suo Parlamento bicamerale, modificando in maniera all’apparenza significativa la sua leadership e le sue prospettive politiche.

 

Attualità, 2022-20

Asia - 50° della FABC: il futuro è nel dialogo

Celebrata la Conferenza generale della Federazione

Stefano Vecchia

Dal 12 al 30 ottobre scorso la Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche (FABC, l’acronimo con cui è nota dal suo nome inglese) ha celebrato, con la sua prima Conferenza generale, il mezzo secolo dalla fondazione, un incontro che si è tenuto con due anni di ritardo rispetto alla data effettiva del 50o (2020) a causa della pandemia da COVID-19 (cf. Regno-att. 18,2021,598).