A
Attualità
Attualità, 8/2017, 15/04/2017, pag. 239

Asia - Timor Est: elezioni e stabilità

Stefano Vecchia

Le elezioni presidenziali del 20 marzo nella piccola Repubblica di Timor Est, secondo paese a maggioranza cattolica dell’Asia dopo le Filippine, hanno avuto otto candidati ma un solo vero vincitore, l’ex leader guerrigliero Francisco «Lú-Olo» Guterres. Sospeso tra Asia e Oceania, incerto a 15 anni dall’indipendenza, Timor Est ha avuto nel voto di marzo la possibilità d’avvicinarsi alla stabilità necessaria per uno sviluppo autonomo e un benessere finora negati, che le elezioni generali del prossimo luglio potrebbero siglare definitivamente.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2024-10

Santa Sede - Vietnam: il viaggio
di mons. Gallagher

Stefano Vecchia

Fatta di «pietre vive», come l’ha definita il segretario vaticano per i rapporti con gli Stati, mons. Paul Richard Gallagher, la Chiesa vietnamita sta vivendo un periodo non soltanto di crescita e partecipazione al contesto nazionale, ma anche d’attesa e speranza per l’evoluzione dei rapporti fra Santa Sede e governo di Hanoi.

 

Attualità, 2024-6

India
- Sinodo: Dalit compresi

Stefano Vecchia

Il percorso sinodale va snodandosi in India con attenzione alle particolarità del contesto locale e anche alle proprie ambiguità, che derivano dalle caratteristiche storiche e ambientali in cui si è sviluppata la Chiesa nel grande paese dell’Asia meridionale. La realtà dei dalit, un tempo definiti «intoccabili» e riabilitati dal mahatma Gandhi come «harijan», figli di Dio, riguarda un quarto della popolazione totale dell’India.

Attualità, 2024-2

Singapore - Dialogo interreligioso: l’«isola» felice

Stefano Vecchia

L’ultimo censimento della popolazione di Singapore nel 2020 ha indicato che un terzo degli abitanti è di religione buddhista, il 18,3% cristiano, il 14,7% musulmano ed è taoista il 10,9%. Il restante 17% non s’identifica con nessuna religione.