A
Attualità
Attualità, 18/2017, 15/10/2017, pag. 554

Asia - Myanmar: in attesa del papa

Stefano Vecchia

La nuova ondata di profughi di etnia rohingya, con la fuga di mezzo milione di persone in Bangladesh in poco più di un mese, ha evidenziato ancora una volta nel modo più drammatico una realtà troppo spesso ignorata. Ma a poco meno di due mesi dal viaggio che porterà papa Francesco in Myanmar e in Bangladesh (27.11-2.12.2017), anche la Chiesa cattolica ha fatto udire la propria voce nel condannare le violenze e auspicare sicurezza, giustizia e opportunità per i rohingya

 

 

La nuova ondata di profughi di etnia rohingya, con la fuga di mezzo milione di persone in Bangladesh in poco più di un mese, ha evidenziato ancora una volta nel modo più drammatico una realtà troppo spesso ignorata (Regno-att. 22,2016,663).

Ancora una volta, appelli e condanne per arrivare a una soluzione definitiva per una etnia di forse un milione e mezzo di individui ormai costretta a vivere per i due terzi fuori dai confini birmani, sembrano incentivare aiuti e preoccupazione ma non a smuovere le autorità del Myanmar sulla richiesta del riconoscimento di cittadinanza per questa minoranza di fede musulmana considerata illegale nel paese e respinta altrove.a nuova ondata di profughi di etnia rohingya, con la fuga di mezzo milione di persone in Bangladesh in poco più di un mese, ha evidenziato ancora una volta nel modo più drammatico una realtà troppo spesso ignorata (Regno-att. 22,2016,663).

Dopo la crisi avviata il 25 agosto con una serie di attacchi di militanti di etnia rohingya nello Stato Rakhine, affacciato sul Golfo del Bengala e confinante con il musulmano Bangladesh, la reazione dell’esercito e della polizia birmani è stata ancora una volta indiscriminata.

I rastrellamenti sono stati accompagnati, come in precedenti crisi, da violenze di ogni genere che non hanno risparmiato neppure i bambini e che ancora una volta hanno evidenziato, insieme, la brutalità di chi si ritiene ancora pieno gestore del paese nonostante la fine della dittatura militare sei anni fa e il (debole) governo civile in cui ha un ruolo di primo piano Aung San Suu Kyi, Nobel per la pace del 1991.

A poco meno di due mesi dal viaggio che porterà papa Francesco in Myanmar e in Bangladesh (27.11-2.12.2017), anche la Chiesa cattolica ha fatto udire la propria voce nel condannare le violenze e auspicare sicurezza, giustizia e opportunità per i rohingya. Da segnalare la posizione del card. Charles Maung Bo, che pochi mesi fa aveva visitato la capitale del Rakhine, Sittwe, verificando di persona la difficile situazione dei rohingya e sottolineando la loro ridotta possibilità di movimento in un ambiente ostile, con la necessità di essere scortati dalla polizia persino al mercato.

Tuttavia, se la condanna per la persecuzione e la richiesta di un confronto serio sulle prospettive dei rohingya sono esplicite, il cardinale è ancora più chiaro su due altre questioni che dividono non solo il paese, ma anche la comunità internazionale: il riconoscimento legale dell’etnia e il ruolo di Aung San Suu Kyi.

 

Non nominare i rohingya

Non va ignorato che l’opposizione al riconoscimento di cittadinanza proviene soprattutto dalla maggioranza buddhista, aizzata da estremisti nazionalisti che ritengono, in buona fede o spesso pretestuosamente, che i musulmani in generale costituiscano un pericolo e che in particolare i rohingya siano facilmente infiltrabili dal terrorismo internazionale. Al punto che nel paese anche l’uso del termine «rohingya» è vietato e lo stesso governo usa il termine «bengali», che con accento dispregiativo allude a una loro origine esterna al paese.

Una diatriba terminologica che lo stesso card. Bo ha definito in una recente intervista al settimanale britannico The Tablet (14.9) «esplosiva», al punto che lo stesso esecutivo «non vuole usarlo per non creare ulteriori problemi o una sollevazione nel paese»: La questione è così sensibile che da tempo alla Santa Sede è stato consigliato di non chiamare i musulmani non-birmani del Rakhine rohingya.

Non una questione di poco conto dato che, ha confermato ancora mons. Bo nell’intervista, «i militari stanno solo aspettando che si verifichi una situazione di emergenza. La Costituzione, infatti, consente loro in una condizione eccezionale di caos e difficoltà, di riprendere il controllo del paese».

I rapporti diplomatici allacciati solo lo scorso maggio e il precedente (2015) riconoscimento della carica cardinalizia a mons. Bo hanno sicuramente rilanciato il ruolo della cattolicità birmana, che per lungo tempo sotto il regime militare aveva subito una tutela prossima alla persecuzione. Restano tuttavia limiti e rischi di cui anche i cattolici devono essere coscienti per non radicalizzare una situazione già difficile e di cui Aung San Su Kyi è insieme protagonista e vittima, come hanno dimostrano le diffuse critiche nei suoi confronti, l’accusa di non essere coerente con i propri principi e di non opporsi sufficientemente ai generali.

I 700.000 cattolici nel paese che ha 55 milioni di abitanti si trovano in condizioni non facili ma possono essere operatori di riconciliazione e a questo li chiama la Chiesa locale. A maggior ragione in vista della visita di papa Francesco, un evento su cui si va concentrando molta attenzione internazionale e forse troppe aspettative.

È giusto attendersi che il pontefice sia messaggero di pace, come sottolinea il card. Bo in un’altra intervista di fine settembre (28.9) all’agenzia UcaNews: «Il motto del papa è “amore e pace”: amore tra i gruppi etnici, tra i fedeli della maggioranza buddhista e di ogni altra religione; pace vuol dire la fine di una guerra civile durata decenni e che ancora prosegue nel Nord».

Tuttavia – specifica il porporato – «il problema [dei rohingya] non sarà risolto solo dai riferimenti del papa alla questione. E critiche ai militari e al governo potrebbero essere controproducenti». Se non vi sono dubbi sul fatto che Francesco farà riferimento alla crisi nel Rakhine e al conflitto nello Stato Kachin con modalità accettabili dalle autorità, dai militari e dai buddhisti, il cardinale avverte che «sarebbe fuorviante dire che la visita del papa riguardi solo i rohingya».

 

Stefano Vecchia

Tipo Articolo
Tema Francesco Pace - Guerra Vita internazionale
Area ASIA
Nazioni

Leggi anche

Attualità, 2021-14

India - Padre Swamy: ora vive nei poveri

Stefano Vecchia

Padre Stanislaus Lourdusamy, noto come Stan Swamy (swamy è un termine onorifico della tradizione indù verso chi si dedica alla vita religiosa), è deceduto il 5 luglio in ospedale a Mumbai dopo 9 mesi in detenzione. Nato nello stato meridionale indiano del Tamil Nadu nel 1937, il gesuita era noto soprattutto come attivista per i diritti delle popolazioni indigene e di altri gruppi discriminati, emarginati o perseguitati ai quali aveva dedicato gli ultimi 30 anni della sua lunga vita. Si era trasferito nello stato di Jharkhand, nell’India centrale, uno tra gli stati indiani più arretrati e a più alta presenza di minoranze tribali e aborigene, in parte convertite alla fede cristiana.

Attualità, 2021-12

India - COVID-19: ancora emergenza

Stefano Vecchia

Superato il secondo picco pandemico il 30 aprile, quando si sono registrati 401.993 nuovi casi (con il record di 4.529 morti giornalieri il 18 maggio), nelle settimane successive, l’India ha visto scendere la curva del contagio ma questo non ha impedito l’allungarsi della scia di lutti e il rafforzarsi delle critiche e delle polemiche per come il governo ha mal gestito la pandemia.

 

Attualità, 2021-10

Myanmar - ASEAN: nessuna mediazione

Stefano Vecchia

A quattro mesi dal colpo di stato del 1o febbraio, la situazione in Myanmar sembra orientarsi più che verso una soluzione pacifica verso una vera e propria guerra civile. Secondo le stime contenute in un rapporto del Programma ONU per lo sviluppo pubblicato a inizio maggio, la profonda crisi economica potrebbe riportare nella povertà metà della popolazione.