A
Attualità
Attualità, 12/2017, 15/06/2017, pag. 361

Asia - Corea del Sud: no al nucleare

Stefano Vecchia

Il 23 maggio, l’agenzia d’informazione sudcoreana Yonhap riportava con evidenza la sconfessione da parte del responsabile dell’ufficio di presidenza, Cheong Wa Dae, di un rapporto che aveva trovato eco sui media locali e che anticipava senza conferme ufficiali la richiesta a papa Francesco da parte del capo dello stato Moon Jae-in di una collaborazione per arrivare a un vertice con il leader nordcoreano Kim Jong-un. Questo – è stato dichiarato a livello ufficiale – non è ancora il tempo opportuno per una simile iniziativa e pertanto essa è stata destituita di ogni veridicità.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2024-14

Asia Indonesia-India: tempo di elezioni

Stefano Vecchia

Il triplice voto indonesiano del 14 febbraio (presidenziale, parlamentare, amministrativo) ha ancora una volta escluso da ruoli di rilievo i gruppi d’ispirazione religiosa, segnalando che il più popoloso paese musulmano al mondo è in grado di contenere le pressioni più radicali e a integrare fedi, etnie e sviluppo.

 

Attualità, 2024-10

Santa Sede - Vietnam: il viaggio
di mons. Gallagher

Stefano Vecchia

Fatta di «pietre vive», come l’ha definita il segretario vaticano per i rapporti con gli Stati, mons. Paul Richard Gallagher, la Chiesa vietnamita sta vivendo un periodo non soltanto di crescita e partecipazione al contesto nazionale, ma anche d’attesa e speranza per l’evoluzione dei rapporti fra Santa Sede e governo di Hanoi.

 

Attualità, 2024-6

India
- Sinodo: Dalit compresi

Stefano Vecchia

Il percorso sinodale va snodandosi in India con attenzione alle particolarità del contesto locale e anche alle proprie ambiguità, che derivano dalle caratteristiche storiche e ambientali in cui si è sviluppata la Chiesa nel grande paese dell’Asia meridionale. La realtà dei dalit, un tempo definiti «intoccabili» e riabilitati dal mahatma Gandhi come «harijan», figli di Dio, riguarda un quarto della popolazione totale dell’India.