A
Attualità
Attualità, 6/2015, 15/06/2015, pag. 429

L'arco dell'alleanza

Cura del creato e società non violenta

Piero Stefani

C’è chi ha scritto che se l’arcobaleno durasse in cielo più di dieci minuti nessuno lo guarderebbe. Forse è esagerato. Si osservano anche le cose che sono stabilmente là davanti a noi. Il grande albero fuori dalla finestra, le curve delle colline, i profili delle montagne, il tremolar della marina. Tuttavia è vero che la transitorietà dell’arco iridescente induce a chiamare altri a vedere uno spettacolo di breve durata: «Vieni, guarda c’è l’arcobaleno!».

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-14

M. Ventura, Nelle mani di Dio

La super-religione del mondo che verrà

Piero Stefani

Il titolo, ripreso dall’autobiografia spirituale di Desmond Tutu (In God’s hand; cf. 9), si muove su un’equivalenza che rende il termine «Dio» sinonimo di «religione» (operazione che l’arcivescovo sudafricano, con ogni probabilità, non approverebbe). Scelta dichiarata, presente già in vari libri, ben noti a Ventura, tutti più o meno orientati a indicare il fatto che, negli ultimi quattro decenni, le religioni sono ritornate a giocare, su vari fronti, un ruolo pubblico.

 

Attualità, 2021-14

Battezzatǝ in Cristo

Una radicale uguaglianza tra uomini e donne

Piero Stefani
La parete di fondo del salone d’onore del Palazzo dei diamanti a Ferrara è contraddistinta da un affresco (staccato e riportato su tela) di grandi dimensioni. La sua collocazione originaria era il refettorio del convento agostiniano di Sant’Andrea. L’opera, risalente alla terza decade del Cinquecento, è di Benvenuto Tisi da Garofalo; resta ignoto l’autore del complesso...
Attualità, 2021-12

U.G.G. Derungs, M. Perroni, In principio

Una teologia della creazione e del male

Piero Stefani

Siamo di fronte a un libro che cerca di raccogliere molte erbe evitando di cadere, a un tempo, nel proverbiale unico fascio; impresa non facile. Colto in questa luce, ha senso che il testo si chiuda all’insegna di un punto interrogativo relativo all’argomento principe della trattazione: «Ma allora che cos’è la creazione?» (229).