A
Attualità
Attualità, 10/2015, 15/11/2015, pag. 658

Dopo il 13 novembre - Simboli: pray for Paris

Piero Stefani

Uccidere in nome di Dio è da troppo tempo un atto che ha fatto perdere l’anima a parte dell’islam contemporaneo. Di riflesso però, questa prassi aberrante ha anche illanguidito la capacità generale di citare in modo coinvolgente e convincente il nome di Dio. Il distorto e stravolto grido «Allah akbar» («Iddio è più grande») pare aver reso in tutti Dio più piccolo. Un dramma nel dramma sta nel fatto che nessuno sembra più riuscire a produrre simboli religiosi capaci d’interpretare quanto sta accadendo.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2023-2

Ferrara - Giornata della memoria: la messa creata da un ebreo

Il maestro Veneziani e il vescovo Bovelli

Piero Stefani

Il Giorno della memoria (27 gennaio), quando si libera dalla morsa della ripetizione celebrativa, consente di mettere in luce o di riscoprire piccole o grandi vicende di questo tipo. Una di esse, pur avendo riferimenti più estesi, è collegata in primis alla città di Ferrara.

 

Attualità, 2023-2

Agli smarriti di cuore

Il senso di non vivere invano

Piero Stefani
«Dite agli smarriti di cuore: coraggio non temete» (Is 35,4).1 Le parole di Isaia sembrano scritte per il nostro tempo; ma forse sono state e saranno consone per ogni epoca. Per comprenderle occorre riservare qualche attenzione al termine «cuore». È una parola, a tutt’oggi, di uso metaforico molto diffuso; di solito, però, in accezioni distanti da quelle...
Attualità, 2022-22

E. Campelli, Prove di convivenza

L’istituto della cittadinanza nell’ordinamento giuridico israeliano

Piero Stefani

Il libro di Campelli, puntuale, analitico e informato (dotato di un’abbondante bibliografia e sitografia in inglese e in italiano), ha uno scopo specifico e uno più ampio. Il primo, indicato già nel sottotitolo, è costituito dall’esame dell’istituto della cittadinanza nell’ordinamento giuridico israeliano; il secondo si estrinseca in una dimensione comparativa.