D
Documenti
Documenti, 11/2022, 01/06/2022, pag. 336

Chiedo perdono agli indigeni

Alle delegazioni dei popoli indigeni del Canada

Francesco

«Provo vergogna, dolore e vergogna per il ruolo che diversi cattolici, in particolare con responsabilità educative, hanno avuto in tutto quello che vi ha ferito, negli abusi e nella mancanza di rispetto verso la vostra identità, la vostra cultura e persino i vostri valori spirituali. Tutto ciò è contrario al Vangelo di Gesù. Per la deplorevole condotta di quei membri della Chiesa cattolica chiedo perdono a Dio e vorrei dirvi, di tutto cuore: sono molto addolorato. E mi unisco ai fratelli vescovi canadesi nel chiedervi scusa». Il 1° aprile papa Francesco ha incontrato una delegazione dei popoli indigeni del Canada, e in tale occasione ha espresso dolore e vergogna per le «sofferenze, privazioni, trattamenti discriminatori e varie forme di abuso subiti da diversi di voi, in particolare nelle scuole residenziali». In questo contesto il papa ha aggiunto: «Quante colonizzazioni politiche, ideologiche ed economiche ci sono ancora nel mondo, sospinte dall’avidità, dalla sete di profitto, incuranti delle popolazioni, delle loro storie e delle loro tradizioni, e della casa comune del creato. È purtroppo ancora molto diffusa questa mentalità coloniale». Nel frattempo, poi, è stata fissata la data per il viaggio di Francesco in Canada: sarà dal 24 al 30 luglio.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-20

E. Husserl, La preghiera e il divino

Scritti etico-religiosi

Francesco Pistoia

Gli studi di Angela Ales Bello, già docente di Storia della filosofia contemporanea alla Pontificia università lateranense, su Edmund Husserl sono un contributo robusto alla conoscenza del grande filosofo austriaco-tedesco, che tanta influenza ha esercitato sulla cultura europea del Novecento.

Documenti, 2022-19

Torniamo al Concilio!

Omelia nel 60° anniversario dell’inizio del concilio ecumenico Vaticano II

Francesco

«Quante volte, dopo il Concilio, i cristiani si sono dati da fare per scegliere una parte nella Chiesa, senza accorgersi di lacerare il cuore della loro Madre! Quante volte si è preferito essere “tifosi del proprio gruppo” anziché servi di tutti, progressisti e conservatori piuttosto che fratelli e sorelle, “di destra” o “di sinistra” più che di Gesù… Superiamo le polarizzazioni e custodiamo la comunione, diventiamo sempre più “una cosa sola”, come Gesù ha implorato prima di dare la vita per noi». L’11 ottobre, memoria di San Giovanni XXIII che indisse e aprì il concilio ecumenico Vaticano II, papa Francesco ha presieduto nella basilica di San Pietro la celebrazione eucaristica in occasione del 60° anniversario del suo inizio, l’11 ottobre 1962. Nell’omelia pronunciata nel corso della messa ha lanciato un appello all’unità della Chiesa cattolica, denunciando la polarizzazione e l’opposizione alle riforme conciliari come opera del diavolo. 

Il 10 ottobre anche la Segreteria generale del Sinodo ha pubblicato un Messaggio in occasione del 60° anniversario dell’apertura del concilio ecumenico Vaticano II, in cui afferma che «scopo del Sinodo era e rimane quello di prolungare, nella vita e nella missione della Chiesa, lo stile del concilio Vaticano II, nonché di favorire nel popolo di Dio la viva appropriazione del suo insegnamento» (cf. in questo numero a p. 592).

 

Attualità, 2022-18

Papa – Guerra in Ucraina: che cosa deve ancora succedere?

Francesco

A poco più di sette mesi dall’inizio della guerra che Vladimir Putin ha mosso contro l’Ucraina il 24 febbraio scorso, il papa nel discorso che ha preceduto la preghiera dell’Angelus del 2 ottobre ha per la prima volta sistematizzato il pensiero suo e della Santa Sede sulle parti in conflitto, sui negoziati possibili, sul rischio di un’escalation nucleare come punto di non ritorno.