D
Documenti
Documenti, 13/2021, 01/07/2021, pag. 400

Norme anti-corruzione in Vaticano

Lettera apostolica motu proprio recante disposizioni sulla trasparenza nella gestione della finanza pubblica

Francesco

Mentre a Strasburgo Moneyval, l’organismo di monitoraggio del Consiglio d’Europa per la valutazione delle misure contro il riciclaggio di capitali e il finanziamento del terrorismo, discuteva il Quinto rapporto sui progressi della Santa Sede in termini di trasparenza finanziaria (cf. qui a p. 402), quest’ultima compiva un ulteriore passo avanti nel processo di riforma delle finanze vaticane per renderle adeguate agli standard dei paesi membri. Il 29 aprile papa Francesco, con il motu proprio recante Disposizioni sulla trasparenza nella gestione della finanza pubblica, per «conformarsi alle migliori pratiche per prevenire e contrastare la corruzione nelle sue diverse forme» ha stabilito delle nuove norme valide per tutti i funzionari di livello dirigenziale C (cardinali, capi dicastero, vicedirettori) e per coloro che svolgono funzioni amministrative, giurisdizionali, di controllo e vigilanza. Questi dovranno sottoscrivere – all’assunzione e poi con cadenza biennale – un’autodichiarazione di non aver riportato condanne definitive, non essere sottoposti a processi penali pendenti o a indagini per alcuni gravi reati, non detenere contanti o investimenti in paesi ad alto rischio di riciclaggio o finanziamento del terrorismo o in paradisi fiscali e, infine, non possedere partecipazioni in società che operino contro la dottrina sociale della Chiesa.

Stampa (29.4.2021) da sito web www.vatican.va.

La fedeltà nelle cose di poco conto è in rapporto, secondo la Scrittura, con la fedeltà in quelle importanti. Così come l’essere disonesto nelle cose di poco conto è in relazione con l’essere disonesto anche nelle importanti (cf. Lc 16,10).

     La Santa Sede, nell’aderire alla Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione (Convenzione di Merida), ha deciso di conformarsi alle migliori pratiche per prevenire e contrastare la corruzione nelle sue diverse forme. Già con la lettera apostolica in forma di motu proprio del 19 maggio 2020, recante Norme sulla trasparenza, il controllo e la concorrenza dei contratti pubblici della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano, sono stati posti presidi fondamentali nel contrasto alla corruzione nella materia dei contratti pubblici. La corruzione, però, può manifestarsi in modalità e forme differenti anche in settori diversi da quello degli appalti e per questo le normative e le migliori prassi a livello internazionale prevedono per i soggetti che ricoprono ruoli chiave nel settore pubblico particolari obblighi di trasparenza ai fini della prevenzione e del contrasto, in ogni settore, di conflitti di interessi, di modalità clientelari e della corruzione in genere.

     Considerato che quanti prestano la loro opera nei dicasteri della curia romana, nelle istituzioni collegate alla Santa Sede, o che fanno riferimento a essa, e nelle amministrazioni del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano hanno la particolare responsabilità di rendere concreta la fedeltà di cui si parla nel Vangelo, agendo secondo il principio della trasparenza e in assenza di ogni conflitto di interesse, stabilisco quanto segue:

  • 1. Nel Regolamento generale della curia romana dopo l’art. 13 è inserito il seguente articolo «Articolo 13bis.
  • 1. I soggetti inquadrati o da inquadrare nei livelli funzionali C, C1, C2 e C3, ivi compresi i cardinali capi dicastero o responsabili di enti, nonché quelli che abbiano funzioni di amministrazione attiva giurisdizionali o di controllo e vigilanza di cui al § 2, ivi inclusi i soggetti di cui agli articoli 10, 11 e 13 § 1 del presente Regolamento e 20 del Regolamento per il personale dirigente laico della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano, devono sottoscrivere all’atto di assunzione dell’ufficio o dell’incarico e con cadenza biennale una dichiarazione nella quale attestano:

     a) di non aver riportato condanne definitive per delitti dolosi nello Stato della Città del Vaticano o all’estero e di non aver beneficiato in relazione agli stessi di indulto, amnistia, grazia e altri provvedimenti assimilabili o essere stati assolti dagli stessi per prescrizione;

     b) di non essere sottoposti a processi penali pendenti ovvero, per quanto noto al dichiarante, a indagini per delitti di partecipazione a un’organizzazione criminale; corruzione; frode; terrorismo o connessi ad attività terroristiche; riciclaggio di proventi di attività criminose; sfruttamento di minori, forme di tratta o di sfruttamento di esseri umani, evasione o elusione fiscale;

     c) di non detenere, anche per interposta persona, contanti o investimenti, ivi incluse le partecipazioni o interessenze di qualunque genere in società e aziende, in paesi inclusi nella lista delle giurisdizioni ad alto rischio di riciclaggio o finanziamento del terrorismo come individuati con provvedimento dell’Autorità di sorveglianza e informazione finanziaria, salvo che il dichiarante o i suoi consanguinei entro il terzo grado siano residenti in detti paesi o vi abbiano stabilito il domicilio per comprovate ragioni familiari, di lavoro o di studio;

     d) che tutti i beni, mobili e immobili, di proprietà o anche solo detenuti dal dichiarante ovvero i compensi di qualunque genere da questo percepiti, per quanto noto al dichiarante, hanno provenienza da attività lecite e non costituiscono il prodotto o il profitto di reato;

     e) di non detenere, per quanto a conoscenza del dichiarante, partecipazioni o interessenze di qualunque genere in società o aziende che operino con finalità e in settori contrari alla dottrina sociale della Chiesa;

     f) di non detenere, anche per interposta persona, contanti o investimenti, ivi incluse le partecipazioni o interessenze di qualunque genere in società e aziende, nei paesi inclusi nella lista delle giurisdizioni non cooperative a fini fiscali individuati con provvedimento della Segreteria per l’economia, salvo che il dichiarante o i suoi consanguinei entro il terzo grado siano residenti in detti paesi o vi abbiano stabilito il domicilio per ragioni familiari, di lavoro o di studio e tali disponibilità siano state dichiarate alle autorità fiscali competenti.

  • 2. Per funzioni di amministrazione attiva s’intendono quelle che comportano la partecipazione ai procedimenti che determinano l’assunzione di impegni economici di qualunque tipo da parte dell’ente. Le funzioni giurisdizionali di cui al paragrafo 1 sono solo quelle giudicanti. Il paragrafo 1 non si applica al personale di supporto degli organismi di controllo e vigilanza. Con provvedimento dell’Ufficio del revisore generale in quanto autorità anticorruzione sono individuati gli uffici e gli incarichi cui si applicano gli obblighi dichiarativi in base al presente paragrafo.
  • 3. La dichiarazione di cui al paragrafo 1 è conservata dalla Segreteria per l’economia nel fascicolo personale del dichiarante. Copia della stessa è trasmessa, per quanto di competenza, alla Segreteria di stato.
  • 4. Ove ne abbia ragionevole motivo, la Segreteria per l’economia, avvalendosi delle strutture a ciò preposte nella Santa Sede o nello Stato della Città del Vaticano, può eseguire controlli sulla veridicità delle dichiarazioni presentate.
  • 5. Fermi i casi di responsabilità penale, la mancata dichiarazione ovvero la dichiarazione falsa o mendace costituiscono grave illecito disciplinare ai sensi dell’articolo 76, § 1, n. 2) e legittimano la Santa Sede a richiedere il danno eventualmente subito».
  • 2. All’articolo 40, paragrafo 1, del Regolamento generale della curia romana, dopo la lettera m) è inserita la seguente lettera: «n) accettare o sollecitare, per sé o per soggetti diversi dall’ente nel quale prestano servizio, in ragione o in occasione del proprio ufficio, doni, regali o altre utilità di valore superiore a euro quaranta».
  • 3. Il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, i tribunali dello Stato della Città del Vaticano e gli enti inclusi nell’elenco di cui all’art. 1 § 1 dello Statuto del Consiglio per l’economia per i quali non è prevista l’applicazione del Regolamento generale della curia romana debbono provvedere a modificare la propria normativa sul personale in maniera conforme a quanto previsto dai paragrafi 1 e 2 entro novanta giorni dall’entrata in vigore del presente motu proprio.

     Dispongo che quanto stabilito abbia immediato, pieno e stabile valore, anche abrogando tutte le disposizioni incompatibili, e che la presente lettera apostolica in forma di motu proprio sia pubblicata su L’Osservatore romano del 29 aprile 2021 e successivamente negli Acta Apostolicae Sedis.

     Dato a Roma, presso San Pietro, il 26 aprile 2021, nono del pontificato.

Francesco

Tipo Documento
Tema Francesco Economia Santa Sede
Area
Nazioni

Leggi anche

Documenti, 2021-15

Modifiche nella giustizia penale

Motu proprio recante modifiche in materia di giustizia

Francesco

Nuove «esigenze emerse, ancor recentemente, nel settore della giustizia penale», hanno spinto il papa a disporre alcune modifiche e integrazioni in senso garantista alla legislazione dello Stato della Città del Vaticano, basata, per certi aspetti, su criteri e soluzioni ormai superati. Il 16 febbraio 2021 è stata quindi emanata una Lettera apostolica in forma di motu proprio recante modifiche in materia di giustizia. Innanzitutto viene introdotto nel Codice penale l’art. 17-bis, che prevede una detrazione da 45 a 120 giorni per ogni anno di pena scontata, per i condannati che abbiano mostrato ravvedimento, concordando un programma di reinserimento e lavori di pubblica utilità. Al Codice di procedura penale vengono applicate svariate modifiche: l’art. 376 viene sostituito, stabilendo che l’imputato prenda parte all’udienza «libero nella persona, con le cautele necessarie per impedirne la fuga»; l’art. 379 viene ora accompagnato dal 379 bis, ter e quater riguardanti il processo in contumacia. Infine vengono apportate alcune modifiche e integrazioni alla legge n. CCCLI sull’ordinamento giudiziario dello Stato della Città del Vaticano, prevedendo in particolare che, «al momento della cessazione, i magistrati ordinari mantengano ogni diritto, assistenza, previdenza e garanzia previsti per i cittadini» (art. 10 c. 5).
È la terza modifica al Codice penale nel pontificato di Francesco, dopo quelle del 2013 e del 2020.

Documenti, 2021-13

Le sanzioni penali nella Chiesa

Costituzione apostolica Pascite gregem Dei e nuovo Libro VI del Codice di diritto canonico

Francesco

Occorreva modificare la disciplina penale del Codice di diritto canonico «in modo da permettere ai pastori di utilizzarla come più agile strumento salvifico e correttivo, da impiegare tempestivamente e con carità pastorale a evitare più gravi mali e lenire le ferite provocate dall’umana debolezza». Lo scrive papa Francesco nella costituzione apostolica Pascite gregem Dei, con cui il 23 maggio ha promulgato il testo revisionato del Libro VI del Codice. Nel corso della conferenza stampa di presentazione, l’1 giugno, i vescovi Filippo Iannone e Juan Ignacio Arrieta Ochoa, rispettivamente presidente e segretario del Pontificio consiglio per i testi legislativi, hanno evidenziato gli aspetti salienti dei nuovi canoni, che sono il frutto di un lavoro di revisione avviato durante il pontificato di Benedetto XVI. Tra i criteri direttivi delle modifiche introdotte spiccano una maggior determinatezza delle norme penali, l’elenco tassativo delle sanzioni, la protezione della comunità e l’attenzione per la riparazione dello scandalo. Quanto alle nuove fattispecie penali, esse riflettono per molti aspetti i principali «casi» di cui le cronache ecclesiali si sono occupate negli ultimi 20 anni, in particolare i delitti di tipo economico-finanziario e quelli che il nuovo Libro VI colloca, innovativamente e significativamente, tra i delitti «contro la vita, la dignità e la libertà dell’uomo», ovvero i delitti «contro il sesto comandamento del Decalogo» dei quali, nella Chiesa, sono vittime i minori (cf. infografica a p. 398s).

Attualità, 2021-12

Germania - Vescovo di Monaco-Frisinga: Marx resta

Le dimissioni respinte, il Cammino sinodale, la riforma della Chiesa

Card. Reinhard Marx, G. Bätzing, papa Francesco

Come un fulmine a ciel sereno, venerdì 4 giugno il card. Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco – Frisinga, ha presentato le dimissioni dal suo incarico episcopale. Presidente della Conferenza episcopale tedesca dal 2012 al 2020, il porporato è dal 2013 membro del Consiglio dei cardinali e dal 2014 coordinatore del Consiglio per l’economia.

A fianco del testo delle dimissioni, pubblicato anche in italiano sul sito della diocesi (https://bit.ly/3cpf4De) e presentate al papa il 21 maggio scorso, presentiamo la nostra traduzione dell’intervista che il presidente della Conferenza episcopale tedesca, Georg Bätzing, ha rilasciato al canale TV Ardmediathek il 4 giugno (Re-blog.it; https://bit.ly/3v5fDbQ) e il testo della lettera con la quale il papa il 10 giugno ha rifiutato le dimissioni del porporato. (red.).