D
Documenti
Il tuo abbonamento è scaduto. Rinnovalo al più presto per continuare ad accedere ai contenuti online riservati agli abbonati.

Documenti, 5/2006

Per una pastorale degli zingari

Pontificio consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti
Questi orientamenti «sono un segno che la Chiesa ha una specifica preoccupazione per gli zingari», sia sul versante del riconoscimento della loro identità e del contributo alla loro promozione umana, sia sull’asse dell’evangelizzazione e dell’inculturazione: «Ciascuno, infatti, va accolto nella Chiesa, nella quale non c’è posto per emarginazione ed esclusione. Il Vangelo, uno ed unico, è quindi annunciato in modo adeguato tenendo conto delle diverse culture e tradizioni ». Con queste parole il card. Fumio Hamao, presidente del Pontificio consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti, ha presentato in Vaticano lo scorso 28 febbraio il documento Orientamenti per una pastorale degli zingari. Frutto di un’elaborazione lunga e complessa, avviata nel 2001, si tratta del primo intervento organico della Santa Sede su questo argomento, e testimonia sia della consapevolezza maturata in quarant’anni di apostolato specifico per i nomadi, sia delle recenti aperture nel modo zingaro di vivere, che hanno riguardato anche la fede e la Chiesa.

Comunicazione circa le nuove disposizioni su beatificazioni e canonizzazioni

Card. J. Saraiva Martins
Con la comunicazione del prefetto della Congregazione delle cause dei santi, card. Saraiva Martins (29.9.2005) tornano a separarsi in maniera più netta le celebrazioni della beatificazione («concessione di culto pubblico in forma indultiva e limitata a un servo di Dio, le cui virtù in grado eroico, ovvero il martirio, siano state debitamente riconosciute») da quelle della canonizzazione («suprema glorificazione da parte della Chiesa di un servo di Dio elevato agli onori degli altari, con un pronunciamento a carattere decretorio, definitito e precettivo per tutta la Chiesa»). Le prime sono affidate alle Chiese locali mentre le seconde sono riservate al papa. La nuova procedura riprende la prassi antica, favorisce la comprensione specifica dei due eventi e valorizza le Chiese locali nei casi di beatificazione.

Celebrare il «mistero grande dell'amore»

Conferenza episcopale italiana - Sussidio degli uffici della Segreteria generale
Il nuovo Rito del matrimonio, entrato in vigore nel 2005, può «accompagnare i fidanzati verso una celebrazione capace di far emergere il mistero di grazia che si snoda e si rivela nella concretezza della vicenda affettiva degli sposi, prima durante e dopo la celebrazione sacramentale». È per favorire e valorizzare questo uso anche catechetico e pastorale dei nuovi testi che diversi uffici della Conferenza episcopale italiana hanno proposto questo sussidio pastorale dal titolo Celebrare il «mistero grande» dell’amore. Accanto all’insistenza su «itinerari di fede prolungati e diversificati» e sul modello catecumenale, è forte il richiamo alla centralità della parrocchia nella preparazione dei futuri sposi e alla necessità di rimanere vicini alle coppie anche dopo il matrimonio, sacramento in costante e progressiva attuazione.

Le facoltà teologiche in Italia

Comitato per gli studi superiori di teologia e di religione cattolica
L’avvio dell’anno accademico per le nuove Facoltà teologiche del Triveneto e delle Puglie (cf. Regno-ann. 2005, 000 e 000) e la riformulazione in atto degli istituti superiori di scienze religiose (ISSR) rendono opportuna la pubblicazione del Progetto di riordino della formazione teologica in Italia e della Nota normativa per gli istituti superiori di scienze religiose. Ambedue i testi sono stati approvati dall’Assemblea della Conferenza episcopale italiana (maggio 2005); il secondo aveva già ricevuto la recognitio della Congregazione per l’educazione cattolica il 15 febbraio 2005. Con questa decisione – come ha notato il card. Angelo Scola – «può iniziare per gli studi teologici in Italia una nuova promettente fase». La Congregazione sta adattando la normativa per gli ISSR alla Chiesa universale introducendo marginali modifiche alla Nota che è comunque «diventata esecutiva».

Progetto di riordino della formazione teologica in Italia

Comitato per gli studi superiori di teologia e di religione cattolica
L’avvio dell’anno accademico per le nuove Facoltà teologiche del Triveneto e delle Puglie (cf. Regno-ann. 2005, 000 e 000) e la riformulazione in atto degli istituti superiori di scienze religiose (ISSR) rendono opportuna la pubblicazione del Progetto di riordino della formazione teologica in Italia e della Nota normativa per gli istituti superiori di scienze religiose. Ambedue i testi sono stati approvati dall’Assemblea della Conferenza episcopale italiana (maggio 2005); il secondo aveva già ricevuto la recognitio della Congregazione per l’educazione cattolica il 15 febbraio 2005. Con questa decisione – come ha notato il card. Angelo Scola – «può iniziare per gli studi teologici in Italia una nuova promettente fase». La Congregazione sta adattando la normativa per gli ISSR alla Chiesa universale introducendo marginali modifiche alla Nota che è comunque «diventata esecutiva».

Nota normativa per gli istituti superiori di scienze religiose

Comitato per gli studi superiori di teologia e di religione cattolica
L’avvio dell’anno accademico per le nuove Facoltà teologiche del Triveneto e delle Puglie (cf. Regno-ann. 2005, 000 e 000) e la riformulazione in atto degli istituti superiori di scienze religiose (ISSR) rendono opportuna la pubblicazione del Progetto di riordino della formazione teologica in Italia e della Nota normativa per gli istituti superiori di scienze religiose. Ambedue i testi sono stati approvati dall’Assemblea della Conferenza episcopale italiana (maggio 2005); il secondo aveva già ricevuto la recognitio della Congregazione per l’educazione cattolica il 15 febbraio 2005. Con questa decisione – come ha notato il card. Angelo Scola – «può iniziare per gli studi teologici in Italia una nuova promettente fase». La Congregazione sta adattando la normativa per gli ISSR alla Chiesa universale introducendo marginali modifiche alla Nota che è comunque «diventata esecutiva».

In cammino verso Sibiu

Documento di lavoro della III Assemblea ecumenica europea
«La luce di Cristo illumina tutti. Speranza di rinnovamento e unità in Europa». Guidato da questo riferimento cristologico ha preso il via lo scorso gennaio l’ampio processo assembleare che condurrà le Chiese europee, su iniziativa della KEK e del CCEE, a ritrovarsi nel settembre 2007 a Sibiu, in Romania, per celebrare la III Assemblea ecumenica europea. Il Documento di lavoro che qui pubblichiamo è uscito in inglese all’inizio del 2006, ed è costituito da una serie di contributi diversi sia per gli autori che li hanno redatti, sia per i temi toccati: «introduce nel cammino da Basilea a Graz e a Sibiu; riflette teologicamente sul tema della nuova assemblea ecumenica; considera il ruolo dei cristiani e delle Chiese per l’Europa di oggi; s’interroga sulla responsabilità dell’Europa nei confronti degli altri continenti; presenta le diverse tappe del processo assembleare e, infine, offre materiali e informazioni utili» (Introduzione). La prima tappa di questo processo assembleare si è tenuta a Roma dal 24 al 27 gennaio scorsi: cf. in proposito i riquadri alle pp. 203 e 205.

In cammino verso Sibiu. Introduzione

A. Giordano, C. Williams
«La luce di Cristo illumina tutti. Speranza di rinnovamento e unità in Europa». Guidato da questo riferimento cristologico ha preso il via lo scorso gennaio l’ampio processo assembleare che condurrà le Chiese europee, su iniziativa della KEK e del CCEE, a ritrovarsi nel settembre 2007 a Sibiu, in Romania, per celebrare la III Assemblea ecumenica europea. Il Documento di lavoro che qui pubblichiamo è uscito in inglese all’inizio del 2006, ed è costituito da una serie di contributi diversi sia per gli autori che li hanno redatti, sia per i temi toccati: «introduce nel cammino da Basilea a Graz e a Sibiu; riflette teologicamente sul tema della nuova assemblea ecumenica; considera il ruolo dei cristiani e delle Chiese per l’Europa di oggi; s’interroga sulla responsabilità dell’Europa nei confronti degli altri continenti; presenta le diverse tappe del processo assembleare e, infine, offre materiali e informazioni utili» (Introduzione). La prima tappa di questo processo assembleare si è tenuta a Roma dal 24 al 27 gennaio scorsi: cf. in proposito i riquadri alle pp. 203 e 205.

In cammino verso Sibiu. Da Basilea a Sibiu, via Graz

V. Ionita
«La luce di Cristo illumina tutti. Speranza di rinnovamento e unità in Europa». Guidato da questo riferimento cristologico ha preso il via lo scorso gennaio l’ampio processo assembleare che condurrà le Chiese europee, su iniziativa della KEK e del CCEE, a ritrovarsi nel settembre 2007 a Sibiu, in Romania, per celebrare la III Assemblea ecumenica europea. Il Documento di lavoro che qui pubblichiamo è uscito in inglese all’inizio del 2006, ed è costituito da una serie di contributi diversi sia per gli autori che li hanno redatti, sia per i temi toccati: «introduce nel cammino da Basilea a Graz e a Sibiu; riflette teologicamente sul tema della nuova assemblea ecumenica; considera il ruolo dei cristiani e delle Chiese per l’Europa di oggi; s’interroga sulla responsabilità dell’Europa nei confronti degli altri continenti; presenta le diverse tappe del processo assembleare e, infine, offre materiali e informazioni utili» (Introduzione). La prima tappa di questo processo assembleare si è tenuta a Roma dal 24 al 27 gennaio scorsi: cf. in proposito i riquadri alle pp. 203 e 205.

In cammino verso Sibiu. Lettera da Sibiu

E. Dörr
«La luce di Cristo illumina tutti. Speranza di rinnovamento e unità in Europa». Guidato da questo riferimento cristologico ha preso il via lo scorso gennaio l’ampio processo assembleare che condurrà le Chiese europee, su iniziativa della KEK e del CCEE, a ritrovarsi nel settembre 2007 a Sibiu, in Romania, per celebrare la III Assemblea ecumenica europea. Il Documento di lavoro che qui pubblichiamo è uscito in inglese all’inizio del 2006, ed è costituito da una serie di contributi diversi sia per gli autori che li hanno redatti, sia per i temi toccati: «introduce nel cammino da Basilea a Graz e a Sibiu; riflette teologicamente sul tema della nuova assemblea ecumenica; considera il ruolo dei cristiani e delle Chiese per l’Europa di oggi; s’interroga sulla responsabilità dell’Europa nei confronti degli altri continenti; presenta le diverse tappe del processo assembleare e, infine, offre materiali e informazioni utili» (Introduzione). La prima tappa di questo processo assembleare si è tenuta a Roma dal 24 al 27 gennaio scorsi: cf. in proposito i riquadri alle pp. 203 e 205.

In cammino verso Sibiu. La luce di Cristo illumina tutti: comunione, testimonianza e rinnovamento sp

Daniel di Moravia e Bucovina
«La luce di Cristo illumina tutti. Speranza di rinnovamento e unità in Europa». Guidato da questo riferimento cristologico ha preso il via lo scorso gennaio l’ampio processo assembleare che condurrà le Chiese europee, su iniziativa della KEK e del CCEE, a ritrovarsi nel settembre 2007 a Sibiu, in Romania, per celebrare la III Assemblea ecumenica europea. Il Documento di lavoro che qui pubblichiamo è uscito in inglese all’inizio del 2006, ed è costituito da una serie di contributi diversi sia per gli autori che li hanno redatti, sia per i temi toccati: «introduce nel cammino da Basilea a Graz e a Sibiu; riflette teologicamente sul tema della nuova assemblea ecumenica; considera il ruolo dei cristiani e delle Chiese per l’Europa di oggi; s’interroga sulla responsabilità dell’Europa nei confronti degli altri continenti; presenta le diverse tappe del processo assembleare e, infine, offre materiali e informazioni utili» (Introduzione). La prima tappa di questo processo assembleare si è tenuta a Roma dal 24 al 27 gennaio scorsi: cf. in proposito i riquadri alle pp. 203 e 205.

In cammino verso Sibiu. Gli autori, il logo, le fonti

G. Mc.
«La luce di Cristo illumina tutti. Speranza di rinnovamento e unità in Europa». Guidato da questo riferimento cristologico ha preso il via lo scorso gennaio l’ampio processo assembleare che condurrà le Chiese europee, su iniziativa della KEK e del CCEE, a ritrovarsi nel settembre 2007 a Sibiu, in Romania, per celebrare la III Assemblea ecumenica europea. Il Documento di lavoro che qui pubblichiamo è uscito in inglese all’inizio del 2006, ed è costituito da una serie di contributi diversi sia per gli autori che li hanno redatti, sia per i temi toccati: «introduce nel cammino da Basilea a Graz e a Sibiu; riflette teologicamente sul tema della nuova assemblea ecumenica; considera il ruolo dei cristiani e delle Chiese per l’Europa di oggi; s’interroga sulla responsabilità dell’Europa nei confronti degli altri continenti; presenta le diverse tappe del processo assembleare e, infine, offre materiali e informazioni utili» (Introduzione). La prima tappa di questo processo assembleare si è tenuta a Roma dal 24 al 27 gennaio scorsi: cf. in proposito i riquadri alle pp. 203 e 205.

In cammino verso Sibiu. La luce di Cristo illumina tutti: il Figlio crocifisso e risorto e la luce t

P. Coda
«La luce di Cristo illumina tutti. Speranza di rinnovamento e unità in Europa». Guidato da questo riferimento cristologico ha preso il via lo scorso gennaio l’ampio processo assembleare che condurrà le Chiese europee, su iniziativa della KEK e del CCEE, a ritrovarsi nel settembre 2007 a Sibiu, in Romania, per celebrare la III Assemblea ecumenica europea. Il Documento di lavoro che qui pubblichiamo è uscito in inglese all’inizio del 2006, ed è costituito da una serie di contributi diversi sia per gli autori che li hanno redatti, sia per i temi toccati: «introduce nel cammino da Basilea a Graz e a Sibiu; riflette teologicamente sul tema della nuova assemblea ecumenica; considera il ruolo dei cristiani e delle Chiese per l’Europa di oggi; s’interroga sulla responsabilità dell’Europa nei confronti degli altri continenti; presenta le diverse tappe del processo assembleare e, infine, offre materiali e informazioni utili» (Introduzione). La prima tappa di questo processo assembleare si è tenuta a Roma dal 24 al 27 gennaio scorsi: cf. in proposito i riquadri alle pp. 203 e 205.

In cammino verso Sibiu. Speranza di rinnovamento e unità in Europa

Gennadios di Sassima
«La luce di Cristo illumina tutti. Speranza di rinnovamento e unità in Europa». Guidato da questo riferimento cristologico ha preso il via lo scorso gennaio l’ampio processo assembleare che condurrà le Chiese europee, su iniziativa della KEK e del CCEE, a ritrovarsi nel settembre 2007 a Sibiu, in Romania, per celebrare la III Assemblea ecumenica europea. Il Documento di lavoro che qui pubblichiamo è uscito in inglese all’inizio del 2006, ed è costituito da una serie di contributi diversi sia per gli autori che li hanno redatti, sia per i temi toccati: «introduce nel cammino da Basilea a Graz e a Sibiu; riflette teologicamente sul tema della nuova assemblea ecumenica; considera il ruolo dei cristiani e delle Chiese per l’Europa di oggi; s’interroga sulla responsabilità dell’Europa nei confronti degli altri continenti; presenta le diverse tappe del processo assembleare e, infine, offre materiali e informazioni utili» (Introduzione). La prima tappa di questo processo assembleare si è tenuta a Roma dal 24 al 27 gennaio scorsi: cf. in proposito i riquadri alle pp. 203 e 205.

In cammino verso Sibiu. L'integrazione europea: un tema nell'agenda delle Chiese

R. Noll
«La luce di Cristo illumina tutti. Speranza di rinnovamento e unità in Europa». Guidato da questo riferimento cristologico ha preso il via lo scorso gennaio l’ampio processo assembleare che condurrà le Chiese europee, su iniziativa della KEK e del CCEE, a ritrovarsi nel settembre 2007 a Sibiu, in Romania, per celebrare la III Assemblea ecumenica europea. Il Documento di lavoro che qui pubblichiamo è uscito in inglese all’inizio del 2006, ed è costituito da una serie di contributi diversi sia per gli autori che li hanno redatti, sia per i temi toccati: «introduce nel cammino da Basilea a Graz e a Sibiu; riflette teologicamente sul tema della nuova assemblea ecumenica; considera il ruolo dei cristiani e delle Chiese per l’Europa di oggi; s’interroga sulla responsabilità dell’Europa nei confronti degli altri continenti; presenta le diverse tappe del processo assembleare e, infine, offre materiali e informazioni utili» (Introduzione). La prima tappa di questo processo assembleare si è tenuta a Roma dal 24 al 27 gennaio scorsi: cf. in proposito i riquadri alle pp. 203 e 205.

In cammino verso Sibiu. Lettera ai cristiani d'Europa

Dal 24 al 27 gennaio 2006, 150 delegati in rappresentanza di 40 Chiese, 34 conferenze episcopali e più di 50 movimenti sono giunti a Roma per un incontro ecumenico sul tema «Ritrovare in Cristo crocifisso e risorto luce nuova per il cammino di riconciliazione tra i cristiani d’Europa». Organizzato dalla Conferenza delle Chiese europee (KEK) e dal Consiglio delle conferenze episcopali d’Europa (CCEE), l’incontro ha costituito la prima tappa della preparazione alla III Assemblea ecumenica europea (AEE3), che si svolgerà a Sibiu, in Romania, nel settembre 2007. L’intenso programma dei lavori ha compreso, tra l’altro, le relazioni del card. W. Kasper (Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani) e del vescovo M. Kässmann (Chiesa evangelica in Germania) sulla situazione ecumenica in Europa, e quelle del metropolita Daniel (Chiesa ortodossa in Romania)e del card. C. Murphy O’Connor (arcivescovo di Westminster) sul tema e gli obiettivi della AEE3, oltre all’udienza di papa Benedetto XVI (cf. riquadro a p. 205). Al termine dell’incontro, i delegati hanno approvato il testo di questa Lettera ai cristiani d’Europa (www.eea3.org)

In cammino verso Sibiu. Unità e testimonianza

Benedetto XVI
I partecipanti all’incontro ecumenico di Roma in preparazione alla III Assemblea ecumenica europea (cf. riquadro a p. 203) sono stati ricevuti in udienza il 25 gennaio da papa Benedetto XVI, che già li aveva salutati il 25 durante la solenne celebrazione dei vespri – da lui stesso presieduta – nella basilica di San Paolo fuori le mura, a conclusione della settimana di preghiera per l’unità dei cristiani (www.vatican.va).

In cammino verso Sibiu. Essere cristiani europei di fronte al mondo

V. Paglia
«La luce di Cristo illumina tutti. Speranza di rinnovamento e unità in Europa». Guidato da questo riferimento cristologico ha preso il via lo scorso gennaio l’ampio processo assembleare che condurrà le Chiese europee, su iniziativa della KEK e del CCEE, a ritrovarsi nel settembre 2007 a Sibiu, in Romania, per celebrare la III Assemblea ecumenica europea. Il Documento di lavoro che qui pubblichiamo è uscito in inglese all’inizio del 2006, ed è costituito da una serie di contributi diversi sia per gli autori che li hanno redatti, sia per i temi toccati: «introduce nel cammino da Basilea a Graz e a Sibiu; riflette teologicamente sul tema della nuova assemblea ecumenica; considera il ruolo dei cristiani e delle Chiese per l’Europa di oggi; s’interroga sulla responsabilità dell’Europa nei confronti degli altri continenti; presenta le diverse tappe del processo assembleare e, infine, offre materiali e informazioni utili» (Introduzione). La prima tappa di questo processo assembleare si è tenuta a Roma dal 24 al 27 gennaio scorsi: cf. in proposito i riquadri alle pp. 203 e 205.

In cammino verso sibiu. Il processo assembleare dell'AEE3

t. Bonaventura, V. Ionita
«La luce di Cristo illumina tutti. Speranza di rinnovamento e unità in Europa». Guidato da questo riferimento cristologico ha preso il via lo scorso gennaio l’ampio processo assembleare che condurrà le Chiese europee, su iniziativa della KEK e del CCEE, a ritrovarsi nel settembre 2007 a Sibiu, in Romania, per celebrare la III Assemblea ecumenica europea. Il Documento di lavoro che qui pubblichiamo è uscito in inglese all’inizio del 2006, ed è costituito da una serie di contributi diversi sia per gli autori che li hanno redatti, sia per i temi toccati: «introduce nel cammino da Basilea a Graz e a Sibiu; riflette teologicamente sul tema della nuova assemblea ecumenica; considera il ruolo dei cristiani e delle Chiese per l’Europa di oggi; s’interroga sulla responsabilità dell’Europa nei confronti degli altri continenti; presenta le diverse tappe del processo assembleare e, infine, offre materiali e informazioni utili» (Introduzione). La prima tappa di questo processo assembleare si è tenuta a Roma dal 24 al 27 gennaio scorsi: cf. in proposito i riquadri alle pp. 203 e 205.