A
Attualità
Attualità, 8/2022, 15/04/2022, pag. 248

Colombia - Presidenziali: ancora conflitto

Mauro Castagnaro

Le elezioni presidenziali del 29 maggio potrebbero risultare storiche, sancendo per la prima volta nella storia del paese, considerato culturalmente conservatore e alleato di ferro degli Stati Uniti nel continente, l’ascesa alla Casa de Nariño di un esponente della sinistra.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-10

America Latina - Cile: un paese confuso

Intervista a p. Jorge Costadoat

Mauro Castagnaro

Il 13 marzo si è insediato alla presidenza della Repubblica cilena Gabriel Boric, giovane leader eletto per l’alleanza politica di sinistra Approvo dignità (i cui partiti principali sono il Fronte ampio e il Partito comunista del Cile). Contemporaneamente la Chiesa cattolica cilena fatica a uscire dalla crisi degli abusi e delle violenze sui minori compiuti dal clero, che l’hanno relegata all’ultimo posto in America Latina nella classifica sulla fiducia stilata da Latinobarometro. Ne abbiamo parlato con p. Jorge Costadoat, gesuita già docente di Trinitaria e Cristologia alla Facoltà di teologia della Pontificia università cattolica del Cile e attualmente ricercatore presso il Centro teologico Manuel Larraín.

Attualità, 2022-10

Paraguay - Chiesa cattolica: in lotta per la terra

Mauro Castagnaro

La questione agraria e i diritti delle popolazioni indigene sono da alcuni mesi al centro delle preoccupazioni della Chiesa paraguaiana. La Conferenza episcopale ha infatti richiamato più volte come sia «urgente un progetto per promuovere la riforma agraria», esortando «tutti i settori sociali a un vero dialogo sui problemi legati al possesso e alla proprietà della terra», in un paese dove l’85% delle terre coltivabili è nelle mani del 2% della popolazione.

 

Attualità, 2022-4

Brasile - Chiesa cattolica: radicale come il Vangelo

Intervista a mons. Vicente Ferreira

Mauro Castagnaro

A colloquio con dom Vicente Ferreira, redentorista cinquantunenne e vescovo ausiliare di Belo Horizonte, nello stato del Minas Gerais, una delle figure emergenti dell’episcopato brasiliano. Romero Venancio, docente di Filosofia all’Università federale di Sergipe, lo considera «un uomo rinnovato nella teologia della liberazione a partire da orientamenti moderni», attento a questioni come l’ambiente, il genere e l’inculturazione, una «persona discreta, molto fine e coerente», che per questo si è «attirato l’odio dei gruppi di estrema destra».