A
Attualità
Attualità, 8/2022, 15/04/2022, pag. 242

A. Prosperi, Eresie

Domenico Segna

Chi è eretico? In passato furono due le risposte date a questa domanda: quella di Benedetto Croce, per il quale eretico era colui che veniva definito tale dalla Chiesa e quella di Delio Cantimori, che invece identificava l’eretico in chi sceglie (haeresis, significa «scelta») d’esserlo in quanto si ribella a ogni e qualunque comunione ecclesiastica.

 

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-6

S. Cassese, Intellettuali

Domenico Segna

«Tempi bui», con questa espressione il noto costituzionalista si schiera a favore dell’importanza che, nonostante tutto, riveste il ruolo dell’intellighenzia, specie in questa fase storica dove, oltre alla pandemia da COVID-19, s’assiste al dilagare di un’altra non meno tragica: quella di un’ignoranza di base e dei suoi effetti deleteri sulla società e sulla democrazia.

Attualità, 2022-4

F. Martini, Nathan e l’invenzione di Roma

Il sindaco che cambiò la Città eterna

Domenico Segna

Una leggenda corre lungo Tevere, quella di Ernesto Nathan, il sindaco che mutò radicalmente Roma, facendola diventare, in soli 6 anni, una capitale a livello europeo. Niente di ciò era avvenuto prima di lui, nulla di analogo sarebbe avvenuto dopo la sua uscita di scena. Perché questo modello di città non fece scuola? È questa la domanda di fondo che guida il saggio di Fabio Martini.

 

Attualità, 2022-4

PCI, l’anniversario dibattuto

Domenico Segna

Dal 15 al 21 gennaio del 1921 si svolse al teatro Goldoni di Livorno il XVII Congresso del Partito socialista, con tre mozioni in campo: «Concentrazione socialista», la corrente riformista di Filippo Turati e di Claudio Treves; «Comunisti unitari», quella massimalista guidata da Giacinto Menotti Serrati che aveva assunto tale denominazione a seguito della rivoluzione bolscevica del 1917 e, infine, la frazione dei «Comunisti puri» il cui leader era Amedeo Bordiga.