A
Attualità
Attualità, 4/2022, 15/02/2022, pag. 106

PCI, l’anniversario dibattuto

Domenico Segna

Dal 15 al 21 gennaio del 1921 si svolse al teatro Goldoni di Livorno il XVII Congresso del Partito socialista, con tre mozioni in campo: «Concentrazione socialista», la corrente riformista di Filippo Turati e di Claudio Treves; «Comunisti unitari», quella massimalista guidata da Giacinto Menotti Serrati che aveva assunto tale denominazione a seguito della rivoluzione bolscevica del 1917 e, infine, la frazione dei «Comunisti puri» il cui leader era Amedeo Bordiga.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-16

H. Le Saux (Svami Abhisiktananda), Nella caverna del cuore

S. Rossi (a cura di)

Domenico Segna

Il volume, pubblicato nella collana «Il tesoro nascosto», è un testo-chiave per penetrare in una delle esperienze spirituali più alte di tutti i tempi, in grado di scompaginare l’orizzonte religioso di coloro che sono alla ricerca del sacro, non solo all’interno del perimetro della propria religione d’appartenenza.

 

Attualità, 2022-16

U. Sartorio, Conversione

Un concetto controverso, una sfida per la missione cristiana

Domenico Segna

Conversione, missione, proselitismo: sono termini che rinviano a concetti distinti, spesso, però, confusi tra di loro. L’epoca attuale è caratterizzata dal «nomadismo religioso» che si basa su due precise figure: il pellegrino e il convertito. Muovendo da quest’ultimi, Sartorio riflette sulle nuove condizioni del credere e su quel desiderio incontenibile che afferra tutti coloro che sentono forte la spinta al cambiamento rispetto a qualsiasi appartenenza trasmessa per tradizione familiare, o in un qualche modo ricevuta.

 

Attualità, 2022-14

G. Alvi, La necessità degli apocalittici

Domenico Segna

Da sempre il libro dell’Apocalisse ha catturato esegeti, biblisti, teologi, semplici lettori delle Scritture: testo enigmatico e visionario, come afferma l’autore, effettivamente è una realtà che sovverte dalle fondamenta il tempo e lo spazio. Studioso assiduo dell’ultimo libro del Nuovo Testamento, egli procede in modo tale che siano gli «apocalittici» provenienti da diverse epoche e da differenti latitudini (Andrej Arsen’evič Tarkovskji, Isaac Newton, Rudolf Steiner, Pierre Teilhard de Chardin, Albert Schweitzer, tra gli altri) a interpretare gli arcani che costellano lo scritto redatto da Giovanni nell’isola di Patmos.