A
Attualità
Attualità, 4/2022, 15/02/2022, pag. 79

Chiesa - Violenze: l’impegno e la colpa

Dal Rapporto di Monaco al percorso di riforma della Chiesa

Maria Elisabetta Gandolfi

In principio è la comunicazione. Per quanto possa apparire sorprendente, l’affermazione è ormai condivisa tra coloro che si occupano da più tempo della questione delle violenze sessuali e più in generale degli abusi nei confronti di minori e persone vulnerabili all’interno della Chiesa. Detto in altre parole, l’azione delle Chiese, delle comunità religiose, e più in generale delle istituzioni che vengono coinvolte negli scandali, segue sempre le rivelazioni fatte, con maggiore o minore clamore, da giornali, TV, pagine web ecc. Con qualche lodevole eccezione.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-14

L. Badaracchi, Armida Barelli

Profezia e missione di una laica nel Novecento

Maria Elisabetta Gandolfi

Il pregio del libro della giornalista Laura Badaracchi è anche questo: ricavare un agile profilo biografico a partire dalla letteratura disponibile che ha attinto o a fonti dirette o che ha conosciuto di persona la dinamicissima «Ida», arricchito da approfondimenti dell’autrice dall’agile penna.

Attualità, 2022-14

Redazione de Il Regno (a cura di), Chiesa in Italia

Annale 2022

Maria Elisabetta Gandolfi

L’Annale edizione 2022 riprende i testi del secondo anno dei «Percorsi di cultura politica» che la rivista, assieme alla Comunità camaldolese, ha dedicato dal 30 settembre 2021 al 3 ottobre 2021 alle «Metamorfosi della democrazia». L’itinerario di riflessione è da leggere assieme alla prima tappa (celebrata a fine settembre 2019), dedicata «Alle radici della crisi attuale. Rivoluzione e totalitarismi» e alla prossima – la terza – in programma tra il 30 settembre e il 2 ottobre, che ha come titolo «La coscienza e il potere. Forme e figure della politica».

Attualità, 2022-14

A. Maggi, Bernadette

La vera storia di una santa imperfetta

Maria Elisabetta Gandolfi

Povera Bernadette, neppure la statua a lei dedicata dopo la morte le somigliava! Perché l’artista, che doveva solo fare un calco del volto, l’ha così idealizzata d’averla resa finta. Questo piccolo dettaglio che chiude il racconto appassionato del servita e biblista Maggi sulla piccola santa dei Pirenei francesi è emblematico di una vicenda sfruttata e deformata sin dall’inizio, di una santità tanto reale quanto umile da dover richiedere ancor oggi, a distanza di 164 anni dalle apparizioni nella grotta di Massabielle (1858) d’essere raccontata, sfrondata dalle molte verità che tantissimi hanno preteso di vedere sulla vicenda e dai toni miracolistici che piacciono tanto anche a noi contemporanei.