A
Attualità
Attualità, 18/2022, 15/10/2022, pag. 582

D. Hamidović, L’insostenibile divinità degli angeli

Saggio storico

Domenico Segna

La domanda di fondo che guida l’intero saggio si può riassumere in questo modo: se c’è un Dio unico, onnipotente e onnipresente, a che servono gli angeli? Sono state avanzate diverse ipotesi che, tuttavia, non permettono di comprendere tutta la letteratura elaborata su di essi e di spiegarne, di conseguenza, la loro ragion d’essere.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-20

DC, l’anniversario dimenticato

Domenico Segna

Non hanno mai saputo raccontarsi, i democristiani: ritenevano infatti opportuno raccontare poco di loro, convinti com’erano che il cuore pulsante della politica fosse altrove e, soprattutto, non fosse il caso di girarci intorno con troppe fantasie. Con questo esordio Marco Follini con Democrazia Cristiana (Sellerio, 2019) ha sviluppato il proprio racconto circa il partito della DC, di cui ricorrono gli ottant’anni della fondazione.

Attualità, 2022-20

G. Cella, Storia e geopolitica della crisi ucraina

Dalla Rus’ di Kiev a oggi

Domenico Segna

Il 24 febbraio del 2022 è divenuta una data storica: il giorno dell’invasione di uno stato sovrano, l’Ucraina, da parte della Russia. Sebbene l’autocrate Vladimir Putin non abbia mai usato la parola guerra, l’Europa, dopo un periodo di pace iniziato con la fine della Seconda guerra mondiale, è rientrata nell’alveo della normalità della storia, da sempre caratterizzata da guerre.

Attualità, 2022-18

F. Massobrio, Scienza e fede a confronto

Ripensare il paradigma a partire dall’uomo

Domenico Segna

Francesco Massobrio, rigoroso studioso che riflette sui rapporti tra teologia e scienza, prende decisamente le distanze dai sicuri bastioni della filosofia della natura e della teologia naturale, che trovano nella philosophia perennis tomista il loro costante riferimento. Ciò che, infatti, l’autore critica è «un impianto ermeneutico deciso a monte, formulato a partire dall’osservazione volgare della realtà e non sull’osservazione più precisa delle scienze».