A
Attualità
Attualità, 18/2022, 15/10/2022, pag. 584

A. Potente, Il miele e l’amaro

Lettura mistico-sapienziale dell’Apocalisse

Giancarlo Azzano

Nel «libro dell’Apocalisse c’è una cristologia? Sì, no, forse. Certamente i biblisti e i dogmatici direbbero di sì... Ciò che invece ho chiaro è che tutto il testo testimonia ciò che nell’esperienza della fede si percepisce come divina presenza. Il suo nome in ebraico è Shekinah». L’autrice, suora domenicana, ha così impostato la sua indagine sull’Apocalisse di Giovanni, ultimo libro delle Scritture. 

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-16

A. Iannello, A.S. Romano (a cura di), Il diavolo in tasca

Cristiani, Chiesa e corruzione nella storia (secoli XVI-XXI)

Giancarlo Azzano

Il libro raccoglie i contributi di studiosi intervenuti a un convegno a Napoli nel 2019 sul tema. Le istituzioni ecclesiastiche si sono occupate dal XVI secolo in poi del problema della corruzione nella Chiesa, spesso ombreggiando la questione per non offrire il destro al protestantesimo e all’anticlericalismo.

Attualità, 2022-16

M. Prodi, Regno di Dio e mondo nel «De civitate Dei»

Una parola attuale per il cambiamento d’epoca

Giancarlo Azzano

L’autore – presbitero bolognese, docente di Morale sociale alla Facoltà teologica dell’Emilia Romagna e alla Pontificia facoltà teologica dell’Italia meridionale, responsabile della Scuola di impegno socio-politico della diocesi di Cerreto Sannita – conduce il lettore nella difficile navigazione fra i 22 libri del De civitate Dei; ne delinea le interpretazioni che si sono snodate da allora fino a oggi e propone una lettura più equilibrata e avveduta.

Attualità, 2022-14

M. Belli, Presenza reale

Filosofia e teologia di fronte all'eucaristia

Giancarlo Azzano

L’autore – tra l’altro youtuber del canale, con un certo seguito, «Scherzi da prete» –, esaminando il lessico teologico e liturgico sull’argomento, ha svelato insospettati aspetti della storia della teologia. Il quadro storico religioso che ne risulta è assai problematico, e le controversie teologiche non si possono classificare fra ortodosse e non.