A
Attualità
Attualità, 16/2022, 15/09/2022, pag. 508

G. Berti (Gioba), L. Galliani, Le vignette del Signore sono infinite

La storia della Chiesa disegnata con il sorriso

Guido Mocellin

80 istantanee di storia della Chiesa: 23 prese durante il primo millennio, 49 tra Urbano II e Pio IX e 28 da Leone XIII all’oggi del Sinodo sulla sinodalità. Un modo per affacciarsi sul passato e sul presente di una Chiesa di cui, contrariamente a certe ricorrenti tentazioni, non si può fare a meno: «Sarebbe come tagliare il ramo sul quale si è seduti», dicono gli autori in premessa.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-16

F. Bolzetta (a cura di), La Chiesa nel digitale

Strumenti e proposte

Guido Mocellin

Quella di Bolzetta è una curatela perché tanto i tutorial quanto il libro sono un lavoro di squadra, con il valore aggiunto dell’alta qualità di divulgatore scientifico che egli aveva già ampiamente messo in mostra nei video e che questa sua fatica cartacea conferma. È inoltre un libro da leggere con lo smartphone in mano: molti riferimenti a siti e pagine web sono riportati, fin dalla copertina, con un QR code, così da accedervi in modo diretto e immediato. Ma per chi preferisce strumenti più tradizionali ci sono anche delle tavole fuori testo, nelle quali alcuni capitoli trovano un’utile sintesi.

 

Attualità, 2022-14

Francia - Tradizionalisti: attratti dal dinamismo

Cronaca da alcune recenti vicende d’Oltralpe e non solo

Guido Mocellin

Abbandoniamo «le polemiche per ascoltare insieme che cosa lo Spirito dice alla Chiesa, custodiamo la comunione, continuiamo a stupirci per la bellezza della liturgia».1 L’area ecclesiale antimoderna e segnatamente tradizionalista fa i conti, a livello mondiale, con la strada imboccata da papa Francesco con la Traditionis custodes2 e di cui la lettera apostolica Desiderio desideravi, firmata nella solennità di San Pietro e Paolo, costituisce l’ultima tappa.

 

Attualità, 2022-6

Italia – CEI. Il Mediterraneo chiede pace

Guido Mocellin

Il Mediterraneo «è un luogo dello spirito e non solo geografico. I confini del Mediterraneo arrivano fino in Ucraina. Per questo diciamo “No” alla guerra, “No” alla guerra, “No” alla guerra!» (Dario Nardella, sindaco di Firenze). Svoltosi dal 23 febbraio al 27 febbraio 2022, praticamente in contemporanea all’inizio dell’invasione dell’Ucraina decisa dal leader russo Putin, «Mediterraneo frontiera di pace 2» conteneva già nel titolo la responsabilità d’esprimere un giudizio sulla tragedia in atto nell’Est Europa, e a tale responsabilità l’evento non si è certo sottratto.