A
Attualità
Attualità, 12/2022, 15/06/2022, pag. 391

Ucraina – Africa e Medio Oriente: la crisi del pane

Enrico Casale

Si dice che il battito d’ali di una farfalla in Asia sia in grado di provocare un uragano in Europa. E in questi mesi l’«effetto farfalla» non è stato innescato da un battito d’ali, ma da una guerra vera e propria, quella tra Russia e Ucraina. E non è stato un uragano ad aver sconvolto il bacino del Mediterraneo, ma un aumento dei prezzi dei cereali che rischia di travolgere i paesi del Nord Africa e del Medio Oriente (MENA).

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-20

Iran - Proteste: un sistema ibrido

Enrico Casale

Rivendicazione dei diritti civili, ma anche protesta contro la malagestione del sistema pubblico e dell’economia: sono queste le ragioni che stanno continuando a portare migliaia di iraniani e iraniane in piazza contro il sistema politico di Teheran.

Attualità, 2022-18

G. Baioni, Nel cuore dei misteri

Inchiesta sull’uccisione di tre missionarie nel Burundi delle impunità

Enrico Casale

Bujumbura, Burundi. È il pomeriggio del 7 settembre 2014. Due anziane missionarie italiane, Olga Raschietti e Lucia Pulici, vengono trovate orribilmente massacrate nella loro abitazione. La polizia circonda l’edificio per garantirne la sicurezza. Ma in piena notte, anche una terza saveriana, Bernardetta Boggian, viene uccisa. Il fatto, per la sua brutalità e per l’età avanzata delle consacrate, fa il giro del mondo, suscitando orrore. Nel giro di poche ore la polizia burundese arresta un malato psichiatrico, che confessa d’aver ucciso le religiose per dissidi legati a un terreno. In pochi gli credono ma il clamore internazionale si placa.

 

Attualità, 2022-16

Mozambico - Stato islamico: il sacrificio di Maria

Enrico Casale

 L’uccisione di suor Maria De Coppi, ottantaquattrenne missionaria comboniana, avvenuta tra il 6 e il 7 settembre a Chipene, ha portato sulle prime pagine di tutti i giornali italiani la crisi, sinora quasi ignorata, del Nord del Mozambico. Una crisi che è insieme politica, religiosa, sociale. Mescola in sé tanti elementi. Un groviglio che ha radici lontane secondo Alessio Iocchi, ricercatore dell’Istituto universitario Orientale di Napoli. «La comunità islamica di Nampula e Cabo Delgado affonda le radici nella storia e ha rapporti consolidati con le comunità musulmane dell’Oceano Indiano – spiega Iocchi all’agenzia InfoAfrica –.