A
Attualità
Attualità, 12/2022, 15/06/2022, pag. 379

F. Cardini, Le dimore di Dio

Dove abita l’eterno

Domenico Segna

Il titolo non deve trarre in inganno: Cardini non si limita a mappare i luoghi dove si è soliti avere un contatto con il divino; ciò che più gli interessa è il seguente interrogativo: chi è Dio? Una domanda affrontata dallo storico con un’indagine a tutto campo, dove si toccano le principali fedi religiose pur privilegiando, inevitabilmente, le tre grandi religioni abramitiche.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-12

E. Durand, Gesù contemporaneo

Cristologia breve e attuale

Domenico Segna

Domenicano francese, Emmanuel Durand nell’attuale panorama teologico porta uno sguardo decisamente innovativo in ordine agli studi dedicati alla cristologia, se non altro per la metodologia adottata. L’autore, infatti, nell’affrontare la figura di Gesù Cristo, al classico impianto tipico della dogmatica affianca una raffinata elaborazione intellettuale che coniuga la prospettiva filosofica con l’apporto esperienziale e storico.

 

Attualità, 2022-12

J. Grondin, La bellezza della metafisica

Domenico Segna

Alla radice della filosofia resta, in ogni caso, la metafisica: è questa la conclusione del saggio scritto da Jean Grondin in difesa della bellezza che a essa sempre s’accompagna. Com’è noto, il termine metafisica deriva dal greco antico meta ta physika, che significa «le cose che stanno dopo le cose di fisica». Fu, infatti, durante la catalogazione dei libri di Aristotele effettuata da Andronico di Rodi che l’espressione venne usata per la prima volta.

Attualità, 2022-12

A. Martin, Sinodalità

Il fondamento biblico del camminare insieme

Domenico Segna

L’autore dà ai cinque capitoli di cui è composto il saggio un’impostazione eminentemente conciliare. Basta leggere i titoli per rendersi conto di come egli sia intimamente convinto del fatto che la sinodalità costituisca il vero futuro cammino della Chiesa. Un cammino che non ha nulla di originale per il semplice fatto che le Scritture, segnatamente il Nuovo Testamento, sin da subito l’hanno testimoniata: la sinodalità è, di conseguenza, il modo di essere della Chiesa a cominciare dalle sue origini.