A
Attualità
Attualità, 6/2021, 15/03/2021, pag. 148

Francesco - Istituti di vita consacrata diocesani: Roma decide

Il vescovo e la riforma del can. 579. Una domanda sulla collegialità

Donata Horak

Un «chiaro segno dell’autenticità di un carisma è la sua ecclesialità, la sua capacità di integrarsi armonicamente nella vita del popolo santo di Dio per il bene di tutti» (esortazione apostolica Evangelii gaudium, n. 130; EV 29/2236): con questa citazione si apre la lettera apostolica in forma di motu proprio Authenticum charismatis, con la quale il pontefice ha recentemente modificato il can. 579 CIC.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-18

Dibattito - Donne e Sinodo: fare le domande giuste

Il commento di una canonista

Donata Horak

In occasione del Sinodo dei vescovi, la stampa ha dato un certo rilievo a un movimento, nato spontaneamente in diversi paesi, che chiede al papa di concedere voto deliberativo alle donne partecipanti a vario titolo ai lavori sinodali. Le sintesi giornalistiche non hanno sempre aiutato a comprendere la portata della richiesta, trattando il Sinodo alla stregua di un’assemblea democratica le cui regole escluderebbero le donne in quanto donne, mentre darebbero pieni poteri deliberativi agli uomini ancorché non vescovi.