A
Attualità
Attualità, 18/2021, 15/10/2021, pag. 591

Chiesa cattolica – Donne prete. Ricordando Ludmila

Maria Elisabetta Gandolfi

Mentre il papa si trovava in Slovacchia a settembre (cf. Regno-att. 16,2021,477) un evento on-line (https://bit.ly/3Ca7CqN) organizzato da Future Church e Women’s Ordination Conference ha ricordato la figura di Ludmila Javorova, la prima donna prete ordinata nel 1970 dal vescovo Felix Maria Davidek per servire la Chiesa clandestina in Cecoslovacchia (cf. anche Regno-att. 10,1996,261), con una presentazione di suor Miriam Therese Winter.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-22

Francia - Rapporto CIASE: l’eco, i fatti

La guerra dei numeri e il processo di riforma della Chiesa francese

Maria Elisabetta Gandolfi

La presentazione del Rapporto della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (CIASE) il 5 ottobre scorso (cf. Regno-att. 20, 2021, 552; Regno-doc. 19, 2021, 615) ha provocato molte reazioni sia in Francia sia Oltralpe, intrecciando piano civile ed ecclesiale. Avendo infatti allargato la portata dell’analisi a tutta la popolazione e paventando cifre piuttosto consistenti del fenomeno, il testo ha aperto un dibattito che ha portato a sensibili spaccature.

 

Attualità, 2021-22

F. Pinotti, La setta divina

Il Movimento dei focolari fra misticismo, abusi e potere

Maria Elisabetta Gandolfi

La voce dei «fuoriusciti» è sempre «di parte». Tanto più quando questi patiscono ingiustizie e, a maggior ragione, violenze fisiche, psichiche o spirituali. E il libro del giornalista Ferruccio Pinotti, che ha condotto un’ampia inchiesta, accedendo a fonti in alcuni casi inedite, dà loro voce. Molte le questioni anche provocatorie che il testo solleva. 

Attualità, 2021-22

F. Zambon, Il pesce piccolo

Una storia di virus e di segreti

Maria Elisabetta Gandolfi

Il libro ricostruisce con le parole (certamente) risentite dell’interessato la pressione con cui l’OMS e la struttura che s’interfacciava con il Governo italiano ha tentato in molti modi di spingerlo al silenzio, isolandolo, accusandolo d’aver mentito, invocando l’immunità e il segreto d’ufficio che un funzionario dell’OMS è tenuto a osservare di fronte a due richieste di comparizione della magistratura bergamasca.