A
Attualità
Attualità, 20/2020, 15/11/2020, pag. 597

Medio Oriente - Siria: uccisi dal silenzio

Uno dei più sanguinosi e lunghi conflitti alle porte del Mediterraneo

Paolo Tomassone

Dopo ormai 10 anni di guerra, in Siria si vive una crisi senza fine: 500.000 morti (poco meno della metà di quelli morti di pandemia in tutto il mondo); l’80% della popolazione che vive in povertà; 5,6 milioni di rifugiati nei paesi confinanti e almeno 1 milione tra Europa, America del nord e Australia; gli sfollati interni sono 7 milioni, anche se il dato è in continua evoluzione e potrebbe essere sottostimato.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-6

Italia - Economia: cortocircuito

Come le famiglie italiane si stanno indebitando in epoca COVID

Paolo Tomassone

Il meccanismo è drammatico nella sua semplicità: l’aumento della povertà e della mancanza di lavoro a causa della pandemia e la difficoltà di accesso al credito costringono sempre più persone a ricorrere ad altri canali d’indebitamento – alcuni controllati dalle stesse banche – pronti ad approfittare della vulnerabilità di chi è più fragile.

 

Attualità, 2021-4

Davos - Oxfam: il virus della disuguaglianza

5 punti per il governo Draghi

Paolo Tomassone

La povertà estrema aumenterà per la prima volta da decenni e il mondo è a un bivio. Ma le sfide che affrontiamo non sono state create dal virus, sono state create da noi. Con questo tono il presidente del Sudafrica, Cyril Ramaphosa, si è rivolto ai capi di stato e di governo e ai leader delle grandi istituzioni e organizzazioni internazionali, per l’annuale appuntamento del World Economic Forum (WEF) a Davos.

 

Attualità, 2021-2

Italia - Bolzano: la speranza operosa

Intervista a mons. Ivo Muser

Paolo Tomassone (a cura di)

In vista delle festività natalizie la Conferenza episcopale del Triveneto, seguita dai vescovi del Piemonte e della Valle d’Aosta, ha scelto di poter ricorrere alla «terza forma» del sacramento della penitenza proprio per accompagnare la comunità in questo tempo di Natale particolarmente inedito.