A
Attualità
Attualità, 20/2020, 15/11/2020, pag. 622

G. Giorello, P. Donghi, Errore

Domenico Segna

In questa ricerca, fondamentale è la categoria dell’errore. Non a caso s’intitola così il libro di Giorello e Pino Donghi, ponendo quest’ultima come conditio sine qua non per qualsiasi cammino della conoscenza che si voglia tale. Quell’animale bipede implume denominato homo sapiens è, infatti, caratterizzato dal pensare inteso come l’autentico fattore umano, vale a dire come caratteristica specifica della specie umana tesa all’esplorazione di quell’infinito laboratorio chiamato mondo.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-6

C. Bertoglio, La musica e le riforme del Cinquecento

Domenico Segna

Molte le qualità dello studio della Bertoglio. In primo luogo l’intelligente scelta di evitare sterili contrapposizioni tra protestantesimo e cattolicesimo e, viceversa, di esaltare i punti di contatto, gli aspetti culturali condivisi, a partire dall’umanesimo, dal rinnovamento filosofico-artistico o dalle scoperte scientifiche che rivoluzionarono lo sguardo sul mondo al di là della propria appartenenza confessionale. La musica, in questa prospettiva, viene vista dall’autrice come forse l’unico linguaggio trasversale in grado di coinvolgere a un tempo cattolici e protestanti pur restando ferme le differenze di fondo che caratterizzarono un secolo straordinario e ineguagliabile come il Cinquecento. 

Attualità, 2021-4

F. Filippi, Ma perché siamo ancora fascisti?

Un conto rimasto aperto

Domenico Segna

Una palude, una zona grigia; così è stata più volte definita quella terra in cui chiunque di noi ha avuto occasione di imbattersi almeno una volta, una terra che affiora nei social, nelle opinioni da bar, nelle semplicistiche narrazioni: in essa ci si dichiara nostalgici del ventennio in camicia nera. Lo storico della mentalità Francesco Filippi con questo volume l’ha esplorata delineando le ragioni di fondo che hanno permesso la sopravvivenza dei fantasmi di un passato così prontamente coperto, ma mai seriamente cancellato con un vero e proprio esame di coscienza che facesse i conti con i tragici eventi che hanno permesso l’avvento e, successivamente, l’instaurazione del regime fascista.

Attualità, 2021-2

S. Morandini, Cambiare rotta

Il futuro nell’Antropocene

Domenico Segna

Morandini, nel suo saggio, dopo aver esaminato i modelli classici di etica ambientale, e avere riflettuto sul pensiero di Hans Jonas, espresso ne Il principio di responsabilità, cogliendovi i limiti dell’analisi in essa contenuta, mette in evidenza ciò che esige il presente disfacimento socio-ambientale: un «puntuale quotidiano discernimento delle diverse forme del nostro agire, quello personale e quello sociale, ma anche quello che si esprime nella dinamica dell’innovazione tecnica, con i suoi impatti e le sue diverse dimensioni».