A
Attualità
Attualità, 4/2019, 15/02/2019, pag. 86

Italia - Storici della Chiesa: l’homo digitans ha un passato?

50 anni dell’Associazione italiana. Il recupero di un ritardo

Daniele Menozzi

Nei giorni 10 e 11 gennaio l’Associazione italiana dei professori di Storia della Chiesa (AIPSC) ha tenuto a Roma, presso l’aula magna della LUMSA, il suo XVIII Convegno di studio. Ha così inteso celebrare il 50o anniversario della fondazione. Pur senza esplicite dichiarazioni, l’iniziativa ha anche un’altra finalità: incentivare la pratica di una disciplina ancora assai negletta nelle istituzioni educative cattoliche. Nonostante le aperture alla storia volute dal concilio Vaticano II, vi persistono infatti le resistenze al metodo storico-critico scaturite dalla crisi modernista.

 

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2024-12

La lunga eredità dei «cattolici integrali»

Uno studio sulle sue conseguenze in Germania, Italia e Francia

Daniele Menozzi

Nell’insegnamento dei papi del postconcilio – da Paolo VI a Giovanni Paolo II – il richiamo all’integralismo, talora anche espresso con il lemma «integrismo», viene in rilevo come uno degli opposti estremismi da cui la comunità ecclesiale è tenuta a guardarsi.

Attualità, 2024-8

Il mito delle radici cristiane dell’Europa

L’analisi storica di Sante Lesti

Daniele Menozzi

Il discorso pubblico di papa Francesco sull’Europa si è spesso caratterizzato per un riferimento storico. Il pontefice ha ricordato che si è persa memoria di quanto accadde all’indomani della Seconda guerra mondiale. Allora i leader di paesi coinvolti nel tragico conflitto (com’è noto, esponenti di partiti democratico-cristiani) avviarono il processo d’integrazione europea allo scopo di fare del continente uno spazio di pace.

 

Attualità, 2024-6

F. De Giorgi, Il modernismo femminile in Italia

Daniele Menozzi

Merito del libro di Fulvio De Giorgi è d’aver esteso questo tradizionale campo d’indagine. Ha così mostrato la ricchezza e la varietà della partecipazione femminile al moto di rinnovamento che Chiesa e società italiana attraversarono tra Ottocento e Novecento. Alla base del volume sta l’allargamento della categoria di modernismo.