A
Attualità
Attualità, 20/2019, 15/11/2019, pag. 598

Africa - Somalia: chi punta al conflitto

Intervista a mons. Giorgio Bertin

Paolo Tomassone

Spesso «il nostro ruolo è quello di tenere gli occhi aperti e realizzare piccoli interventi che servono a risvegliare l’attenzione» sulle necessità degli uomini e delle donne, in particolare di chi ha più difficoltà. «Sono convinto che prima d’essere cristiani, musulmani o atei, siamo tutti esseri umani». Così mons. Giorgio Bertin, vescovo di Gibuti dal 2001, interpreta la presenza della Chiesa in territorio di missione, in Somalia, un angolo dell’Africa dove i cattolici oltre a essere una minoranza, devono convivere da almeno vent’anni con le minacce di Al Qaeda e la sua filiale locale Al-Shabaab.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2023-10

L. Giorgi, Giuseppe Dossetti

La politica come missione

Paolo Tomassone

L’autore esplora, su fonti inedite tra cui approfondite interviste al fratello Ermanno, i vari e distinti impegni politici ed ecclesiali di Dossetti, cogliendo perfettamente che, lungo tutto il corso della sua esperienza – l’impegno nella Resistenza e nell’Assemblea costituente, l’impegno politico all’interno della DC e le scelte religiose successive –, egli pensò sé stesso e dedicò tutta la sua vita per testimoniare la fonte religiosa del proprio impegno, che nasce già prima del Concilio ed è legata alle sacre Scritture.

Attualità, 2023-10

Caritas italiana – Decreto lavoro: un aiuto selettivo

Paolo Tomassone

Qualsiasi misura contro l’indigenza deve assicurare a chi è caduto in povertà il diritto a una vita dignitosa. Questo «aiuto», per essere giusto, dev’essere garantito «fino a quando persiste la condizione di bisogno».

Attualità, 2023-8

A. Steccanella, L. Voltolin (a cura di), Giovani, fede, multimedia

Evangelizzazione e nuovi linguaggi

Paolo Tomassone

Non è solo una questione di «stile» o di scelta dello strumento «giusto» e «moderno» per annunciare il Vangelo, piuttosto occorre riconnettere la liturgia con i vissuti dei giovani. A partire da un fondamento: perché nasca la fede «occorre l’azione di diversi soggetti: Dio che si fa presente, chi ha ascoltato Dio e i fratelli e continuamente annuncia, coloro ai quali giunge la Parola che salva, che la possono ascoltare e quindi ridire».