A
Attualità
Attualità, 14/2018, 15/07/2018, pag. 397

Sessantotto - Intervista a Paolo Pombeni: l’anniversario disincantato

Domenico Segna

Il 1968 ha segnato nell’immaginario collettivo una vera e propria frattura culturale, politica, sociale, antropologica. Ne parliamo con lo storico Paolo Pombeni, autore di Che cosa resta del ’68 (Il Mulino), libro dedicato alle rivolte studentesche che cinquant’anni fa caratterizzarono le società occidentali più avanzate.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2023-2

F. Zanella, Silenzio dell’uomo e silenzio di Dio

Domenico Segna

Sin dall’antichità il silenzio è stato considerato centrale sia in ambito culturale che in quello più prettamente spirituale: un fenomeno complesso caratterizzato da diverse modalità, a seconda della definizione che ne viene data. Con il suo studio Francesco Zanella offre la possibilità di penetrarlo a livello filosofico e teologico così come venne inteso nell’antichità e nella tarda antichità, in particolar modo tenendo come punti di riferimento le fonti letterarie del mondo classico, delle tradizioni ebraiche, dello gnosticismo e, infine, del cristianesimo.

 

Attualità, 2023-2

J. Habermas, Proteggere la vita

I diritti fondamentali alla prova della pandemia

Domenico Segna

I nevitabilmente lo stato d’emergenza causato dalla pandemia dovuta al SARS-CoV-2 ha determinato un acceso dibattito che ha visto contrapporsi da un lato la politica del bene comune, dall’altro quella relativa al bene individuale, creando una situazione di squilibrio all’interno dello stato di diritto.

 

Attualità, 2022-22

S. Schlensog (a cura di), Hans Küng

L’opera di una vita

Domenico Segna

Teologo centrale per la cultura cattolica della seconda metà del Novecento, Hans Küng è stato oggetto di un’accesa diatriba da parte di alte gerarchie della Chiesa. Un conflitto con la Congregazione per la dottrina della fede che si inasprì sino al punto da provocare, nel 1979, la revoca dell’autorizzazione all’insegnamento della teologia: una condanna emblematica di una fra le personalità più autorevoli del concilio Vaticano II.