A
Attualità
Attualità, 14/2018, 15/07/2018, pag. 397

Sessantotto - Intervista a Paolo Pombeni: l’anniversario disincantato

Domenico Segna

Il 1968 ha segnato nell’immaginario collettivo una vera e propria frattura culturale, politica, sociale, antropologica. Ne parliamo con lo storico Paolo Pombeni, autore di Che cosa resta del ’68 (Il Mulino), libro dedicato alle rivolte studentesche che cinquant’anni fa caratterizzarono le società occidentali più avanzate.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-14

F. Mancinelli, Tutti gli occhi che ho aperto

Domenico Segna

Dopo il folgorante debutto di Mala Kruna (2007), voce poetica consolidatasi e approfonditasi con le altrettanto efficaci raccolte di Pasta madre (2013) e Libretto di transito (2018), la poetessa Franca Mancinelli, la «donna-albero», con questo volume ha pubblicato uno fra i libri di poesia più originali dell’attuale panorama letterario italiano, certamente la sua raccolta più stilisticamente matura. 

Attualità, 2021-10

C. Frugoni, Paure medievali

Epidemie, prodigi, fine del tempo

Domenico Segna

Per Chiara Frugoni, con il suo volume pubblicato nel momento in cui la pandemia si è manifestata in tutta la sua virulenza, è possibile stabilire, per alcuni aspetti, un legame tra il 2020 e il 1348, sebbene siano evidenti le differenze tra le due epoche. Come allora anche ai nostri tempi abbiamo assistito all’impotenza delle cure, siamo stati muti testimoni di decine di bare trasportate con i camion dell’esercito per essere sepolte senza alcun familiare ad assistere alla cerimonia, come nel caso della Lombardia e di Bergamo in particolare, senza poi contare il numero insufficiente dei medici e degli infermieri per affrontare un contesto così eccezionale.

 

Attualità, 2021-8

M. Faggioli, Joe Biden e il cattolicesimo negli Stati Uniti

Domenico Segna

Massimo Faggioli, che da anni vive e lavora negli USA, con questo suo meritevole saggio permette di fare il punto della situazione sul cattolicesimo nell’America ancora scossa dai «barbari» che hanno invaso, con tanto di feriti e di morti, Capitol Hill. Un’America su cui soffia il vento della secolarizzazione e, al contempo, quello di un neo-tradizionalismo in grado di unire evangelicals e una parte di vescovi cattolici, alleati contro il neoeletto presidente e ostili a papa Francesco, un sudamericano che, con la sua Chiesa «in uscita», sta riconfigurando l’essere cattolico.