A
Attualità
Attualità, 18/2017, 15/10/2017, pag. 551

America Latina - Chiesa ed ecologia: il cosmo nella teologia

Intervista a Lucas Cerviño

Mauro Castagnaro

Lucas Cerviño, argentino, è un quarantenne laico consacrato membro del Movimento dei focolari. Insegna all’Istituto latinoamericano di missiologia dell’Università cattolica boliviana di Cochabamba, approfondendo la riflessione teologica legata ai temi dell’ambiente.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-14

America Latina - Perù: la vittoria di Castillo

Mauro Castagnaro

Sembrava un outsider che in marzo quasi non compariva nei sondaggi, e invece Fabio Castillo, candidato del partito marxista Perù libero, è clamorosamente divenuto il 6 giugno il primo presidente della Repubblica di sinistra dalla fine dei governi militari nel 1980. Dopo aver ottenuto la maggioranza relativa nel primo turno col 19%, ha, infatti, battuto nel ballottaggio Keiko Fujimori, leader del partito di destra Forza popolare e figlia di Alberto Fujimori, capo dello stato dal 1990 al 2000, attualmente in carcere per crimini di lesa umanità e reati economici.

 

Attualità, 2021-12

America Latina - Colombia: proteste e repressione

Mauro Castagnaro

La Colombia sembra vivere un momento politico inedito e dagli esiti incerti: una rivolta popolare iniziata con uno sciopero generale contro la riforma fiscale presentata dal governo ultraconservatore del presidente della Repubblica, Ivan Duque, e poi tracimata, nonostante il suo ritiro, in una mobilitazione contro il modello sociale oligarchico e l’impianto economico neoliberista dominanti nel paese.

 

Attualità, 2021-10

America Latina - Ecuador: le elezioni e la Chiesa

Mauro Castagnaro

Al terzo tentativo il banchiere Guillermo Lasso ce l’ha fatta. Sconfitto nel 2013 da Rafael Correa e nel 2017 da Lenin Moreno, l’11 aprile il candidato dell’alleanza di centrodestra tra il Movimento creando opportunità (CREO) e il Partito social-cristiano (PSC) ha infatti conquistato la presidenza della Repubblica, vincendo col 52,4% dei voti il ballottaggio contro Andrés Arauz, delfino di Correa e in lizza per la progressista Unione per la speranza (UNES).