A
Attualità
Attualità, 8/2016, 15/04/2016, pag. 200

Novara - Seminario dei laici

Paolo Tomassone
È arrivato il momento d’«accelerare la corresponsabilità dei laici». Perché sono cambiate le relazioni pastorali fra il presbitero e la comunità parrocchiale. E perché tutte le vocazioni e i ministeri ecclesiali devono respirare in modo nuovo il clima di una Chiesa in uscita. Partendo da questo presupposto la diocesi di Novara ha deciso d’introdurre tra le proprie attività il «Seminario dei laici», un percorso specifico «in cui pensare in modo integrato la formazione per i ministeri ecclesiali, sia per la vita della Chiesa, sia per l’impegno nel mondo». Il suo scopo – come è stato chiarito al termine del Sinodo cominciato due anni fa – è quello di «educare una figura di laico capace di stare in piedi».

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2023-2

Italia - Rapporto CISF: famiglie tecnologiche

La pandemia e la spinta alla connessione

Paolo Tomassone

Le nuove tecnologie hanno conquistato uno spazio sempre più ampio nella vita quotidiana delle famiglie, in particolare di quelle con figli piccoli o adolescenti, che nella fase iniziale e nei momenti più critici della pandemia si sono dovute adeguare per non rischiare di rimanere indietro se non addirittura essere catapultate ai margini della società.

 

Attualità, 2023-2

A. Marchetti, Il movimento brasiliano Sem terra

Una lunga lotta contadina contro il latifondo e le multinazionali

Paolo Tomassone

Questo studio racconta la storia e la vita interna (in tutti i suoi aspetti, comprese le sue contraddizioni) del Movimento dos trabalhadores rurais sem terra (MST), uno dei movimenti sociali più importanti dell’America Latina, presente in tutto il Brasile e che coinvolge oltre 600.000 famiglie di piccoli contadini.

 

Attualità, 2022-20

M.C. Rioli, L’archivio Mediterraneo

Documentare le migrazioni contemporanee

Paolo Tomassone

La storia delle migrazioni nel Mediterraneo la si può raccontare attraverso gli archivi istituzionali o le collezioni private o, per arrivare ai nostri giorni, rintracciando i contenuti negli smartphone, nei computer e negli altri dispositivi elettronici.