A
Attualità
Attualità, 14/2016, 15/07/2016, pag. 427

Asia - Filippine: non uccidere!

Paolo Tomassone

Una media di 44 persone muore ogni giorno da due mesi – 2.927 in totale – nella guerra all’ultimo sangue contro la criminalità, dichiarata dal nuovo presidente filippino Rodrigo Duterte. Le cifre ufficiali sono state rese pubbliche a inizio settembre. Avvocato, settantunenne, Duterte è stato eletto a maggio al termine di una campagna dai toni fortemente populisti e incentrata su un programma di «ultrasicurezza» in cui ha promesso d’estirpare il narcotraffico nel giro di sei mesi. Secondo questi dati, la polizia, che sostiene d’agire per legittima difesa, ha ucciso 1.033 persone in operazioni anti-droga dall’arrivo di Duterte al potere il 30 giugno, mentre nello stesso periodo 1.894 persone sono state assassinate in circostanze non chiarite. Sulla violenza di questa campagna di lotta alla droga sono intervenute organizzazioni per la difesa dei diritti umani, denunciando anche esecuzioni sommarie per mano di civili incoraggiati dalla retorica presidenziale a farsi giustizia da soli.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-14

Italia - COVID-19 e droghe: giovani nascosti

L’appello del Tavolo ecclesiale dipendenze

Paolo Tomassone

Sono rimasti soli, hanno sperimentato la paura del contagio e l’ansia di questo tempo sospeso, tra un lockdown e l’altro, tra una dichiarazione dello stato d’emergenza e una promessa di ritornare (presto) a scuola in presenza. Si sono sentiti respinti da tutto e da tutti; chi è riuscito a tornare a frequentare gli spazi pubblici e la vecchia compagnia di amici si è trovato disorientato, senza alcun adulto a fianco in grado di elaborare questa esperienza traumatica.

 

Attualità, 2021-12

Italia - Catechesi dopo il COVID-19: motivate ma attempate

Presentata la nuova indagine sui catechisti a 50 anni dal Documento base

Paolo Tomassone

La pandemia ha stravolto anche le abitudini delle parrocchie: se dopo un anno e mezzo si è trovato il modo per celebrare le messe e le liturgie in tutta sicurezza, nella maggior parte delle comunità ancora si fatica a ridare un ritmo normale alla vita comunitaria, rinunciando talvolta a iniziative e progetti considerati finora fondamentali per la pastorale. La catechesi è uno dei settori più colpiti dalle misure di contrasto alla diffusione del virus. 

Attualità, 2021-10

Italia – Caritas: PNRR, occorre un salto

Paolo Tomassone

Il lavoro presentato dal governo «segna un passo in avanti», ma la strada per arrivare a una vera strategia per il futuro del paese – una strategia, per dirla con le parole della bozza presentata alle Camere dal premier Mario Draghi, che «non dovrà riportarci al tempo di prima, ma dovrà costruire un’Italia nuova» – è ancora lunga. Bisogna fare un «salto»: lo dichiara Caritas italiana nel dossier Sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR). Contributo a un percorso di riflessione, analisi e proposta pubblicato a fine aprile.