A
Attualità
Attualità, 10/2016, 15/05/2016, pag. 260

Mons. Depalma: processione deformata

Paolo Tomassone

O «la pietà popolare diventa possibilità d’incontro con lui e possibilità di pubblica dichiarazione del nostro amore incondizionato per lui, o si riduce a messa in pratica di riti, anche antichi, ma deformati, svuotati, ridotti a pratiche superstiziose o strumentalizzate nell’illusoria convinzione che dimostrare di avere il governo del culto – e quindi poter decidere la sosta di una statua – sia segno della benevolenza di Dio». Un richiamo netto del vescovo di Nola, mons. Beniamino Depalma, che è tornato sul tema delle processioni organizzate in occasione delle feste dei santi, scrivendo a don Fernando Russo, parroco di Livardi, frazione di San Paolo Bel Sito (NA).

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2024-10

L. Bruni, Critica della ragione manageriale (e della consulenza)

Paolo Tomassone

Il libro parte da esempi molto concreti della vita lavorativa: «Ho un problema con il mio capo. Mi hanno fatto parlare con un coach, con un counselor e con uno psicologo del lavoro, ma continuo ad avere un problema di relazione con il mio capo, quando potrò parlare con lui?».

Attualità, 2024-10

P. Ferrara, Cercando un paese innocente

La pace possibile in un mondo in frantumi

Paolo Tomassone

Ci sono Stati ultra-sovranisti in territori molto ampi che hanno capacità economiche e militari. Ma ci sono anche Stati in profonda crisi o in disgregazione per ragioni economiche e di sviluppo o per una capacità di governo inadeguata.

Attualità, 2024-8

Italia - Chiesa cattolica: energia di comunità

Una risposta alla crisi ambientale
e al rischio povertà

Paolo Tomassone

Chiunque abbia un tetto da mettere a disposizione è benvenuto. «Ci rivolgiamo alle parrocchie, ma anche alle singole famiglie, alle aziende e a chi ha capannoni dismessi e quindi tetti molto ampi». Gli unici esclusi sono i campi agricoli: «La terra è sacra, serve per le coltivazioni e non vogliamo che venga invasa da pannelli fotovoltaici, come purtroppo sta già avvenendo in giro per l’Italia».