A
Attualità
Attualità, 3/2015, 15/03/2015, pag. 158

America Latina - Venezuela e Chiesa: il perché della violenza

Mauro Castagnaro
Il «problema maggiore e la causa di questa crisi generale è la decisione del governo nazionale d’imporre un sistema politico-economico di orientamento socialista marxista e comunista». Questo il passaggio centrale dell’esortazione pastorale Rinnovamento etico e spirituale di fronte alla crisi in cui il 12 gennaio la Conferenza episcopale venezuelana (CEV) ha denunciato «l’uso eccessivo della forza nella repressione delle proteste», che nel 2014 hanno provocato 43 morti e 800 feriti.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-14

America Latina - Perù: la vittoria di Castillo

Mauro Castagnaro

Sembrava un outsider che in marzo quasi non compariva nei sondaggi, e invece Fabio Castillo, candidato del partito marxista Perù libero, è clamorosamente divenuto il 6 giugno il primo presidente della Repubblica di sinistra dalla fine dei governi militari nel 1980. Dopo aver ottenuto la maggioranza relativa nel primo turno col 19%, ha, infatti, battuto nel ballottaggio Keiko Fujimori, leader del partito di destra Forza popolare e figlia di Alberto Fujimori, capo dello stato dal 1990 al 2000, attualmente in carcere per crimini di lesa umanità e reati economici.

 

Attualità, 2021-12

America Latina - Colombia: proteste e repressione

Mauro Castagnaro

La Colombia sembra vivere un momento politico inedito e dagli esiti incerti: una rivolta popolare iniziata con uno sciopero generale contro la riforma fiscale presentata dal governo ultraconservatore del presidente della Repubblica, Ivan Duque, e poi tracimata, nonostante il suo ritiro, in una mobilitazione contro il modello sociale oligarchico e l’impianto economico neoliberista dominanti nel paese.

 

Attualità, 2021-10

America Latina - Ecuador: le elezioni e la Chiesa

Mauro Castagnaro

Al terzo tentativo il banchiere Guillermo Lasso ce l’ha fatta. Sconfitto nel 2013 da Rafael Correa e nel 2017 da Lenin Moreno, l’11 aprile il candidato dell’alleanza di centrodestra tra il Movimento creando opportunità (CREO) e il Partito social-cristiano (PSC) ha infatti conquistato la presidenza della Repubblica, vincendo col 52,4% dei voti il ballottaggio contro Andrés Arauz, delfino di Correa e in lizza per la progressista Unione per la speranza (UNES).