A
Attualità
Attualità, 10/2015, 15/11/2015, pag. 685

Italia - Scuola e classici: perché ricordare Gentili

Fabio Ruggiero

Ebbi la fortuna di conoscere Gentili a metà degli anni Ottanta e d’essere onorato da subito della sua sincera e affettuosa amicizia. Avevo preparato una traduzione completa dei frammenti di Archiloco di Paro e, conscio del fatto che egli era uno dei massimi esperti a un tempo di lirica greca e di traduzione di testi poetici classici, gli scrissi, inviandogli il mio lavoro. Con una certa mia sorpresa, egli mi rispose prestissimo, con una telefonata calorosa, nella quale mi disse che la traduzione gli era piaciuta e che desiderava conoscermi.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-22

Lessico della sinodalità / 1: come agisce una comunità

La prassi sinodale negli Atti degli apostoli

Fabio Ruggiero

È bene partire da alcune premesse lessicali, relative sia al termine «sinodalità», sia ad altri che più spesso si richiamano a riguardo di questo tema nell’esame degli Atti. Anzitutto occorre tenere presente che il vocabolo «sinodalità» costituisce un vero e proprio conio del linguaggio religioso cristiano, dal momento che non appare ancora registrato nemmeno dai dizionari cartacei ed elettronici più recenti, e tanto meno dai lessici latini e greci, per quanto in Rete sia ormai frequente imbattersi in esso.

 

Attualità, 2022-20

Padri della Chiesa - Episcopato: vescovi tuttofare

Nascita e sviluppo dell’episcopato nei primi secoli

Fabio Ruggiero

In «totale trasparenza» il 10 ottobre scorso il vescovo di Lugano, Valerio Lazzeri, ha dato, in accordo con la Santa Sede, l’annuncio ufficiale delle dimissioni dal proprio incarico episcopale a soli 59 anni, poiché – ha detto – «è andata crescendo dentro di me una fatica interiore che mi ha progressivamente tolto lo slancio e la serenità richiesti per guidare la Chiesa di Lugano. Gli aspetti pubblici, di rappresentanza, di gestione finanziaria e amministrativa, sono diventati per me insostenibili».

 

Attualità, 2022-16

Padri della Chiesa - Ricchezza e povertà: il dono del mantello

Dal buon uso dei beni al povero come vicario di Cristo

Fabio Ruggiero

L’interpretazione esegetica e l’omiletica dei padri sulla ricchezza sono volte sempre a porre in evidenza i comportamenti salvifici e le pratiche di giustizia, nel quadro di una vita cristiana autentica. La loro predicazione non si cura tanto di stabilire se un ricco possa salvarsi o no, ma, piuttosto, in prospettiva sempre pedagogica e progressiva, di ricordare e fornire ai fedeli ricchi quei veri beni che portano a Cristo, lungo un percorso di crescita spirituale che può anche giungere alla perfezione, ossia a vedere le cose come le vede e le vive il Signore, che si fece uomo nella povertà del mondo.