A
Attualità
Il tuo abbonamento è scaduto. Rinnovalo al più presto per continuare ad accedere ai contenuti online riservati agli abbonati.

Attualità, 6/2014

Papa Francesco 2013-2014: il Vangelo è ancora possibile

G. Brunelli
A un anno dall’inizio del suo pontificato, papa Francesco è sempre più ammirato e amato dalle genti, dentro e fuori le Chiese, e sempre più guardato con sospetto, scetticismo e contrarietà da una parte consistente delle gerarchie ecclesiastiche. Non è una questione politica. È una questione ecclesiale, cioè di come debba essere oggi una Chiesa testimone ed evangelizzatrice; è questione di come annunciare nuovamente la fede cristiana e dunque è questione di identità della Chiesa.

Papa Francesco - Primo concistoro: il Vangelo della famiglia

G. Cereti
La relazione Kasper e il dibattito sulla comunione ai divorziati risposati: «Nessuno mette in discussione l’indissolubilità di un matrimonio sacramentale rato e consumato». E tuttavia questo insegnamento deve essere compreso «in connessione con il messaggio di Gesù dell’infinita misericordia di Dio per chiunque si converte».

Francesco - Religiosi: soluzioni al sole

L. Prezzi
Per la prima volta il papa dedica un anno alla vita consacrata. Dal 21 novembre 2014 (Giornata per la vita monastica) al 21 novembre 2015 (50° anniversario del decreto conciliare Perfectaecaritatis) la Chiesa sarà sollecitata a valorizzare la particolare testimonianza dei religiosi e delle religiose (circa 900.000).

Papa - Pentecostali: messaggio in video

D. S.

Politica in Italia: solo Renzi, Renzi solo

G. Brunelli
Lo scontro di potere dentro il Partito democratico. Renzi ha compreso che il tempo per lui era breve, e ha iniziato la sua carriera politica correndo, e in solitudine.

Europa e Italia - Analisi sociali: la «Grande Incertezza»

I. Diamanti
L'insicurezza è come una nebbia densa, che accompagna la nostra vita quotidiana. Ci permette di procedere e, a volte, si alleggerisce un po’. Ma incombe. Grava su di noi. È l’immagine evocata dalla lettura dei diversi e accurati piani di analisi utilizzati nel VII Rapporto sulla sicurezza e l’insicurezza sociale in Italia e in Europa.

Russia - Rapporti ecumenici: dal prestigio all'influenza

M. Matté, F. Strazzari
La Chiesa ortodossa, la Chiesa cattolica e i progetti di una nazione in rapido movimento.

Ucraina - Russia: crisi politica, crisi ecclesiale

D. Sala
L'annessione della Crimea alla Russia, in seguito al referendum del 16 marzo scorso, rischia di far perdere alla Chiesa ortodossa russa lo strettissimo rapporto che l’ha sempre legata alla Chiesa ortodossa ucraina.

Gran Bretagna - Scientology: religione e spazio pubblico

M. Neri
La sentenza della Corte suprema britannica su Scientology è esemplare delle metamorfosi della religione dopo la fine della modernità, da un lato, e della difficoltà dello stato costituzionale democratico a organizzare un nuovo sistema di relazione pubblica con la «religione trasformata», che circola in maniera sempre più ampia anche nei territori tradizionalmente presidiati dalle grandi tradizioni religiose, dall’altro.

Belgio - Eutanasia e minori: un passo di troppo

M. Bernardoni
Il diritto del minore «a domandare la propria morte è un passo di troppo. Si tratta della trasgressione del divieto di uccidere, che costituisce la base della nostra società umana». Così i vescovi del Belgio hanno espresso la loro «delusione» dopo il via libera alla legge che estende l'eutanasia ai minori in «fin di vita».

Centrafrica - Guerra civile: la violenza respirata

D. Maggiore
Come procede la crisi: testimonianze dagli operatori umanitari.

Africa - Chiese e diritti gay: se non c'è giustizia

D. Maggiore
Dov’è «la voce profetica della Chiesa?». A chiederselo – in un editoriale del 29 gennaio dedicato al «radicato senso di omofobia in Africa» – è stato The Southern Cross, settimanale cattolico promosso dai vescovi di Sudafrica, Swaziland e Botswana, riuniti nella Conferenza episcopale dell’Africa australe (SACBC). Motivo dell’articolo, le leggi sulle persone omosessuali approvate dall’Uganda.

America Latina - La Chiesa e il nuovo Cile: la società domanda. Interv a mons. P. Ossandon Buljevic

M. Castagnaro
Mons. Pedro Ossandón Buljevic, cinquantatreenne vescovo ausiliare di Santiago del Cile dal 2012, viene considerato tra i più promettenti membri dell’episcopato, tanto che molti ne pronosticano la rapida ascesa ai vertici dell’arcidiocesi della capitale.

Malaysia: Allah tra politica e fede

D. Sala

Vietnam - Santa Sede: novità sì e no

D. Sala

Una cultura di carità. Quella Chiesa italiana che crebbe con mons. Nervo

G. Pasini
Considero un privilegio poter illustrare la figura di mons. Nervo, che ho frequentato e con il quale ho collaborato per quasi l’intero arco della mia vita sacerdotale e che considero un grande dono del Signore alla Chiesa italiana e alla società nel suo insieme. D’altronde ritengo che Nervo abbia influito nella comunità ecclesiale con la sua personale testimonianza, prima ancora che con le sue iniziative.

Libri del mese - Schede - Marzo 2014

M.E. Gandolfi
I «Libri del mese» si possono acquistare: - per telefono, chiamando lo 051 3941522; - per fax, inviando un ordine allo 051 3941577; - per e-mail, all'indirizzo vendite.dirette@dehoniane.it - online, acquistandoli presso www.libreriacattolica.it - per posta, scrivendo a Centro Editoriale Dehoniano, via Scipione Dal Ferro 4, 40138 Bologna

G. Pressacco, L'arc di San Marc. Opera omnia

M. Giardini
Vengono pubblicati in due ponderosi volumi tutti gli articoli scritti negli ultimi anni della sua vita da don Gilberto Pressacco (1945-1997), maestro di cappella del duomo di Udine e docente di Esercitazioni corali presso il Conservatorio della stessa città. I testi qui raccolti, interamente dedicati alla storia musicale ed ecclesiastica della regione friulana, gettano luce su temi quasi del tutto inesplorati, che consentono d’assegnare all’antica diocesi di Aquileia e al suo retaggio tradizionale, conservatosi in forme del tutto singolari nella cultura contadina del Friuli, un ruolo centrale nella storia primitiva del cristianesimo.

Pace, Le religioni nell'Italia che cambia; Introvigne, Zoccatelli, Encicl. delle religioni in Italia

D. Sala
Il principale problema con cui si devono confrontare quanti vogliono descrivere l’attuale panorama religioso – in Italia ma non solo – è quello della definizione, nei suoi due aspetti, cioè quello qualitativo e quello quantitativo: quali movimenti possono essere annoverati tra le religioni, e chi si può arruolare tra gli affiliati?

www.dehondocs.it

M. Matté
In occasione dell’anniversario della nascita di p. Leone Dehon, il Centro studi dehoniani di Roma haacceso il sito web www.dehondocs.it che introduce al vasto patrimonio dei suoi scritti. Il progetto è stato avviato nel 2003 e nella sua fase iniziale ha curato la digitalizzazione dei testi e una prima revisione redazionale.

Se l'ipocrisia avvelena gli affetti

M. Veladiano
«I falsi redentori» di Guido Piovene. Se non c’è un movimento che porta fuori di sé, se lo sguardo è tutto un chiuso rivoltar sé stessi, non c’è parola né bellezza che ci salvi.

Italia - Mass media: la TV si è fatta mondo

P. Taggi
Tra i reality e gi infotainment: sopravvivono solo i generi inquieti.

CEI - TV2000: un nuovo caso Boffo

G. Mocellin

Italia - Teologia: una per tutti?

A. Torresin
La domanda dell’annuale convegno di studio della Facoltà teologica dell’Italia settentrionale* appare fin dal titolo, «Una fede per tutti? Forma cristiana e forma secolare», e pone la questione. Riguarda sia la società civile oggi in Occidente, sia la Chiesa che ne condivide i frangenti storici.

Teologia - Monoteismo: l'immagine non violenta di Dio

P. Stefani
A un secolo dallo scoppio della Grande guerra.

CEC - Droni

D. Sala

Chiesa d'Inghilterra - Sinodo generale

D. Sala

Regno Unito - Le Chiese contro il governo

D. Sala

Messaggio di Francesco ai pentecostali

D. Sala

Ucraina - Chiese europee e CEC

D. Sala

Avventisti italiani - Nuove cariche

D. Sala

Il card. Koch su sinodalità e primato

D. Sala

Germania - Documento congiunto cattolici-protestanti

D. Sala

Neocatecumenali

L. Accattoli

Comitato ONU sui diritti dell'infanzia

L. Accattoli

Consiglio di cardinali

L. Accattoli

Concistoro straordinario sulla famiglia

L. Accattoli

Presidenti Sinodo 2014

L. Accattoli

Concistoro prega per Ucraina

L. Accattoli

Benedetto in basilica Vaticana per i nuovi cardinali

L. Accattoli

Segreteria per l'economia

L. Accattoli

Lettera del papa alle famiglie

L. Accattoli

La Santa Sede all'Expo di Milano 2015

L. Accattoli

L'antropologia cristiana nell'epoca dei cyborg: noi, robot

D. Lambert
Alla «robotizzazione dell'umano» in ambiti particolari si accompagna ormai la tendenza a un’«umanizzazione dei robot» (moral machine) che consentirebbe, sotto il controllo di opportuni software «etici», di delegare alla macchina decisioni importanti in campo medico, giuridico, economico e militare. Sullo sfondo – spiega in questo saggio il prof. Dominique Lambert –, tali tentativi alimentano correnti di «pensiero trans-umanista», che mirando a un potenziamento illimitato dell’umano ne determinerebbero in realtà la dissoluzione, a partire dagli aspetti – per lui costitutivi – di fragilità e di limite. Di fronte alla minaccia, e riconoscendo tutta la validità del progresso tecnologico, Lambert individua nell’antropologia cristiana l’istanza critica adeguata a stabilire criteri capaci di ricollocare «in modo corretto e coerente» la robotica in rapporto all’umano, «evitando che essa lo riduca o lo distrugga aumentandolo a dismisura».

Liana Millu, 1914-2005: il libro custodito

P. Stefani
Nel centenario della nascita l'originale del Tagebuch un dono alla città di Genova.

Udire la Parola scritta. Possiamo vedere l'estasi delle parole

P. Stefani
L'oralità e la scrittura nella vita della Chiesa.

Il questionario per il Sinodo mai arrivato

sig.ra Bernardi

Divorziati: la prassi dell'ortodossia

M. Calandrino

Lutti nel giornalismo

I miei quarant'anni al Regno. E la sua spinta ad andare al largo

L. Accattoli
Compio 41 anni di Regno. Volevo intrecciare qualche scherzo su questa esagerazione l’anno scorso, ma 40 anni mi parevano troppi e ho aspettato i 41.