A
Attualità
Attualità, 8/2011, 15/04/2011, pag. 238

USA - Vescovi: Il caso Elizabeth Johnson

M. Faggioli
Il libro più recente di una delle più importanti teologhe cattoliche, Elizabeth Johnson (docente di Teologia sistematica all’Università dei gesuiti di Fordham, nel Bronx a New York), è finito nel mirino della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti (USCCB). In data 30 marzo 2011 la commissione dottrinale della USCCB (presieduta dall’arcivescovo di Washington DC, il neo-cardinale Donald Wuerl) ha pubblicato una dichiarazione (datata 24 marzo) che accusa il libro Quest for the Living God di molteplici «travisamenti, ambiguità ed errori». La commissione dottrinale della USCCB (che ha tra i suoi membri anche il neo-arcivescovo di Los Angeles, José Horacio Gómez, uno degli artefici della nuova traduzione del Messale e vescovo di Paterson, Arthur Joseph Serratelli, e il vescovo di Toledo, Leonard P. Blair, che aveva guidato la visita apostolica alle religiose americane) denuncia il libro sulla base di motivazioni che non hanno a che fare soltanto con la teologia femminista.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-22

Stati Uniti - Elezioni: tempo di scelte

Gli americani per le Midterm, i vescovi per il presidente

Massimo Faggioli

Il mese di novembre 2022 ha visto due appuntamenti di rilievo nella vita politica ed ecclesiale degli Stati Uniti. Alle elezioni di medio termine gli americani si sono espressi per il rinnovo della Camera e di 35 dei 100 seggi del Senato al Congresso e di molte altre cariche locali (governatori, procuratori di giustizia, assemblee legislative). Spesso il partito al potere alla Casa Bianca viene penalizzato nella tornata elettorale a metà del mandato presidenziale, e ci si attendeva una valanga a favore del Partito repubblicano.

 

Attualità, 2022-22

Cristianesimo di minoranza. Secondo due libri francesi

Massimo Faggioli

Il secolo XIX è centrale per comprendere quello che l’autrice chiama «il destino antimoderno» del cattolicesimo. Gli ultimi 200 anni rappresentano una serie di tentativi di risposta contro la moderna laicità e lo stato laico: da Donoso Cortes al teologo statunitense William Cavanaugh (che è diventato un punto di riferimento per teologi di tendenza «radical orthodoxy», anche in Francia e in Italia). Il momento rivelatore è quello politicista reazionario di Maurras, negli anni Venti del secolo XX, per comprendere poi il tentativo di Mounier e Maritain di adattarsi alla modernità e salvare l’essenziale del cristianesimo: un tentativo che il libro definisce fallito.

 

Attualità, 2022-20

Sinodalità - Crisi delle violenze: al centro

Una reale riforma della Chiesa alla luce dei segni dei tempi

Massimo Faggioli, Hans Zollner

Come ha scritto lo storico gesuita americano p. John O’Malley in uno dei suoi ultimi articoli, pubblicato sulla rivista America lo scorso febbraio, la storia della sinodalità è più antica di quanto si pensi. Ci sono diverse fasi nella storia dell’istituzione sinodale e del modo di governare la Chiesa: dalla Chiesa primitiva al Medioevo, al primo cattolicesimo moderno. La fase attuale fa parte di ciò che il concilio Vaticano II aveva in mente come riforma della Chiesa.