A
Attualità
Attualità, 12/1982, 15/06/1982, pag. 262

Quel filo che han tessuto gli «esterni»

G.T.

Leggi anche

Documenti, 2021-9

Odio on-line

Gruppo di lavoro istituito dal Ministero per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione

L’odio, dice il vocabolario, è un «sentimento di forte e persistente avversione, per cui si desidera il male o la rovina altrui». Le responsabilità subentrano «quando dal desiderio del male altrui si passa all’azione, per favorire o realizzare tale male», e «gli strumenti digitali offrono nuove modalità per passare dall’espressione di odio all’azione tangibile». È la premessa del Rapporto finale rilasciato il 5 febbraio 2021 dal «Gruppo di lavoro sul fenomeno dell’odio on-line», istituito lo scorso novembre dal Ministero per l’innovazione tecnologica di concerto con il Ministero della giustizia e il Dipartimento per l’editoria della Presidenza del consiglio. I sedici membri del gruppo, che hanno anche ricevuto dall’esterno proposte e documenti (vedi elenchi a p. 315), si dicono consapevoli che «il tema dell’odio (on-line e non) è un terreno scivoloso: nel tener conto del difficile equilibrio tra diritto all’informazione, libertà d’espressione, rischio di censura, non si può non pensare a come l’amplificazione tecnica fornisca ossigeno alla generazione di un ambiente comunicativo tossico nel quale i discorsi d’odio diventano una merce comune». Le loro «Raccomandazioni» finali si articolano in tre direzioni: attività di prevenzione, rivolte alla scuola, alle famiglie, alle aziende e ai media; interventi normativi, in chiave soprattutto di contenimento e moderazione; sostegno all’infodiversità.

 

Attualità, 2021-8

Stati Uniti – Giovani e religiosità: crisi d’autorità e d’appartenenza

Paolo Segatti

L’immagine che abbiamo degli Stati Uniti d’America è quella di un paese nel quale i temi religiosi sono fonte di grande polarizzazione culturale e politica. Ma è proprio così? Robert Putnam e David Campbell circa dieci anni fa avevano messo in dubbio questa immagine (American Grace, How Religion Divides and Unites Us, Simon and Schuster, New York 2010). La religione divide – dicevano – ma anche unisce. 

Attualità, 2021-6

Politica - COVID-19: l’impatto

Paolo Segatti

Le conseguenze del COVID-19 sui sistemi politici vanno valutate sulla base di prospettive temporali diverse. Alcuni effetti si manifesteranno solo tra qualche tempo. Le trasformazioni economiche causate dalla recessione da COVID-19 provocheranno inevitabilmente un profondo disagio sociale, le cui conseguenze potrebbero riversarsi sulla politica democratica. È prevedibile, poi, un aumento dei flussi migratori con l’impatto che questi hanno su opinioni pubbliche già ora impreparate ad affrontare la trasformazione delle loro società in senso plurale.