b
Blog

Etica teologica, quo vadis?

Cristianesimo ed etica non hanno niente a che fare l’uno con l’altra,

non esiste un’etica cristiana.

 

Di fronte a questa fulminea affermazione di Bonhoeffer potremmo essere d’accordo oppure non esserlo, ma in questo post ci interessa poco fare la conta degli schieramenti.

Piuttosto ci proponiamo di metterci nei panni del lettore italiano che la legge da un libercolo, riedito nel 2020 a distanza di cinque anni dalla casa editrice Castelvecchi, che ripropone due lezioni, che il famoso teologo oppositore del regime nazista tenne alla comunità tedesca di Barcellona, e porta come titolo Etica cristiana.

La domanda sorge spontanea: come può non esistere un’etica cristiana all’interno di un testo il cui titolo è composto letteralmente da due paroline: Etica cristiana?

Prima possibile risposta: non è Bonhoeffer a contraddirsi, ma l’editore che ha fatto una scelta infelice nel titolo. Seconda possibile risposta: non è Bonhoeffer a contraddirsi, ma neanche l’editore, in quanto le riflessioni del teologo puntano alla comprensione della natura dell’agire etico cristiano.

Non esiste, ma c’è

Per decidersi sulla risposta possibile basta leggere le due stimolanti riflessioni di Bonhoeffer, per rendersi conto che si parla proprio dell’etica cristiana, anzi, come scrive lo stesso teologo, di questioni fondamentali di un’etica cristiana.

Ebbene, siamo proprio nel cuore dei «fondamenta» di una possibile etica teologica, nella misura in cui ci si chiede come sia possibile negare l’esistenza di un’etica cristiana e al contempo farsi mille domande. Noi ne facciamo solo due, le stesse che ci suggerisce Bonhoeffer:

– perché allora tutto il Nuovo Testamento, l’intero Vangelo, è pieno di prescrizioni etiche?

– Che cosa significa allora il Discorso della montagna?

Rassicuriamo il lettore che tali domande Bonhoeffer se le pone subito dopo avere negato l’esistenza di un’etica cristiana e dopo aver condotto un’argomentazione rigorosa sull’intrinseca incompatibilità tra le due parole: cristiana ed etica, perorando la causa della fondamentale «amoralità» del cristianesimo a favore di un messaggio cristiano che sta al di là del bene e del male.

Ri-avviare un dibattito

Al di là di una spiegazione del quesito sulla base delle personali idee di Bonhoeffer, che potrebbero confortare alcuni (quelli che distinguono fino a separare un discorso sulla misericordia da un discorso sulla giustizia) o avvilire altri (quelli che affrontano questioni di contenuto a partire principalmente da questioni linguistiche), a noi interessa mettere l’accento su ciò che non può mancare come abbrivio per una seria, rigorosa, chiara riflessione etico-teologica: che cosa s’intende per etica cristiana?

Proviamo a lanciare una provocazione per ri-avviare il dibattito in seno alla teologia morale fondamentale, dicendo che esiste per certo una sintassi dell’etica cristiana, ovvero una serie di dati biblici eticamente rilevanti.

Esiste poi una semantica, ovvero un’interpretazione degli stessi dati. Dove si sedimenta la questione? Chi identifica la sintassi con la semantica si convince che i dati parlino da soli e chiude la questione sostenendo che basta che essi ci siano. Invece la strada da percorrere è tutta in un’altra direzione, ovvero i dati ci sono (sintassi), ma poi vanno interpretati (semantica).

Qui ha finalmente inizio la questione vera e propria: che senso (semantica) diamo ai dati che disponiamo (sintassi)?

Allora, ammesso che ci imbattiamo in affermazioni come quella da cui siamo partiti, c’è da chiedersi: in che senso? La questione seria del «che cosa», dunque, esiste anche quando neghiamo la sua esistenza.

 

 

Pietro Cognato insegna Teologia morale e bioetica presso la Facoltà teologica di Sicilia, l’Istituto di studi bioetici S. Privitera e la Facoltà di servizio sociale – LUMSA. Tra le sue opere Fede e morale tra tradizione e innovazione. Il rinnovamento della teologia morale (2012); Etica teologica. Persone e problemi morali nella cultura contemporanea (2015). Ha curato inoltre diverse voci del Nuovo dizionario di teologia morale (2019).

Lascia un commento

{{resultMessage}}